Papa in Bulgaria: alla comunità cattolica, “ci sono due gruppi di persone che soffrono tanto, i giovani e gli anziani”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

“Oggi, nel mondo, ci sono due gruppi di persone che soffrono tanto: i giovani e gli anziani. Dobbiamo farli incontrare. Gli anziani sono le radici della nostra società, non possiamo mandarli via dalla nostra comunità, sono la memoria viva della nostra fede. I giovani hanno bisogno di radici, di memoria. Facciamo sì che comunichino tra di loro, senza paura”. Lo ha ribadito Papa Francesco a braccio rivolgendosi alla comunità cattolica bulgara nella Chiesa di San Michele Arcangelo a Rakovsky. “Quando i giovani si incontrano con gli anziani e gli anziani con i giovani, gli anziani incominciano a rivivere, tornano a sognare e i giovani prendono coraggio dai vecchi, vanno avanti e incominciano a fare ciò che è tanto importante nella loro vita, cioè frequentare il futuro. Abbiamo bisogno che i giovani frequentino il futuro – ha aggiunto -, ma questo si può fare solo se hanno le radici dei vecchi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *