FOTO Diocesi, “Convegno Ministranti”, l’importanza del servizio a Gesù

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Ufficio Liturgico Diocesano

DIOCESI – Un pomeriggio insieme per essere Chiesa viva. E’ quello che hanno vissuto alcuni bambini e ragazzi della nostra diocesi provenienti da varie parrocchie (Ripatransone, S. Cipriano e S. Giovanni Evangelista di Colonnella, San Benedetto Martire, Santa Maria della Marina, San Pio V) che, nel pomeriggio di domenica 7 aprile si sono ritrovati nella Parrocchia di Cristo Re di Porto d’Ascoli per partecipare al “Convegno Ministranti” organizzato dall’Ufficio Liturgico Diocesano.

Sono state ore importanti per questi giovani, che nella fraternità e nell’amicizia, hanno riscoperto insieme l’importanza e il valore che sta nella loro scelta di essere ministranti.
Accolti dal parroco don Gianluca Rosati, che con vera gioia ha “spezzato” per loro la Parola, in un brano tratto dal Vangelo di Giovanni, sottolineando la similitudine di un personaggio di questo brano e il servizio del ministrante: “C’è qui un ragazzo che ha cinque pani d’orzo e due pesci” (cfr. Gv. 6,9a).

Alla fine della meditazione, i bambini e ragazzi insieme agli animatori dell’oratorio hanno avuto occasione di una condivisione in amicizia attraverso un gioco suddivisi in squadre.

Al termine dei giochi è seguita la celebrazione presieduta dal Vescovo Carlo Bresciani nella cappella dell’asilo del “Divino Amore”.
Il presule nell’omelia ha tenuto a sottolineare l’atteggiamento in totale assenza di carità dei personaggi centrali del brano evangelico di Giovanni, che si recano da Gesù per ottenere da lui un giudizio di condanna contro l’adultera. Il Vescovo riallacciandosi al rapporto di San Paolo con la fede ha sottolineato come i ministranti, facendo la scelta di dedicare del tempo a questo servizio, colgono l’importanza del tempo offerto a Gesù.
A fine celebrazione un caloroso applauso è stato dedicato a don Ulderico Ceroni, direttore dell’Ufficio Liturgico Diocesano, per i suoi 42 anni di ordinazione diaconale.

Il convegno si è concluso con un momento di convivio nei locali parrocchiali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *