Papa Francesco: Angelus, “Con il diavolo non si dialoga, non si deve dialogare”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

“Le tre tentazioni indicano tre strade che il mondo sempre propone promettendo grandi successi, tre strade per ingannarci: l’avidità di possesso – avere, avere, avere –, la gloria umana e la strumentalizzazione di Dio. Sono tre strade che ci porteranno alla rovina”.
Lo ha detto il Papa, che durante l’Angelus di ieri ha commentato l’episodio evangelico delle tre tentazioni di Gesù nel deserto. “La prima, la strada dell’avidità di possesso”, ha proseguito Francesco: “È sempre questa la logica insidiosa del diavolo. Egli parte dal naturale e legittimo bisogno di nutrirsi, di vivere, di realizzarsi, di essere felici, per spingerci a credere che tutto ciò è possibile senza Dio, anzi, persino contro di Lui. Ma Gesù si oppone dicendo: ‘Sta scritto: ‘Non di solo pane vivrà l’uomo’”. “Si può perdere ogni dignità personale, ci si lascia corrompere dagli idoli del denaro, del successo e del potere, pur di raggiungere la propria autoaffermazione”, ha detto il Papa commentando la seconda tentazione: “E si gusta l’ebbrezza di una gioia vuota che ben presto svanisce. E questo ci porta anche a fare ‘i pavoni’, la vanità, ma questo svanisce. Per questo Gesù risponde: ‘Solo al Signore Dio tuo ti prostrerai, lui solo adorerai’”. Infine la terza tentazione: “strumentalizzare Dio a proprio vantaggio”. Si tratta, per Francesco, della “tentazione forse più sottile: quella di voler tirare Dio dalla nostra parte, chiedendogli grazie che in realtà servono e serviranno a soddisfare il nostro orgoglio”. “Sono queste le strade che ci vengono messe davanti, con l’illusione di poter così ottenere il successo e la felicità”, ha commentato il Papa: “Ma, in realtà, esse sono del tutto estranee al modo di agire di Dio; anzi, di fatto ci separano da Dio, perché sono opera di Satana. Gesù, affrontando in prima persona queste prove, vince per tre volte la tentazione per aderire pienamente al progetto del Padre. E ci indica i rimedi: la vita interiore, la fede in Dio, la certezza del suo amore, la certezza che Dio ci ama, che è Padre, e con questa certezza vinceremo ogni tentazione”. “Ma c’è una cosa, su cui vorrei attirare l’attenzione, una cosa interessante”, ha concluso Francesco: “Gesù nel rispondere al tentatore non entra in dialogo, ma risponde alle tre sfide soltanto con la Parola di Dio. Questo ci insegna che con il diavolo non si dialoga, non si deve dialogare, soltanto gli si risponde con la Parola di Dio”. “Approfittiamo dunque della Quaresima, come di un tempo privilegiato per purificarci, per sperimentare la consolante presenza di Dio nella nostra vita”, l’invito finale: “La materna intercessione della Vergine Maria, icona di fedeltà a Dio, ci sostenga nel nostro cammino, aiutandoci a rigettare sempre il male e ad accogliere il bene”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *