L’invito dell’Azione Cattolica per i giovani della diocesi a vivere “La parte migliore”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

DIOCESI – L’Azione Cattolica Giovani della Diocesi di San Benedetto del Tronto – Ripatransone – Montalto propone, a tutti i giovani dai 18 anni in su, tre serate di spiritualità dal titolo “La parte migliore”.

I tre incontri si svolgeranno nei giorni 11, 12 e 14 marzo, nella chiesa della Parrocchia Cristo Re (o in sala San Francesco, vicino al Teatro don Marino, via Damiano Chiesa), con inizio alle 21.15.
L’idea di queste tre serate è scaturita dalla riflessione sull’icona biblica proposta dall’Azione Cattolica per questo anno associativo: Gesù ospite in casa di Marta e Maria (Lc 10,38-42).

I responsabile Giovani: Marco e Cristina e l’Assistente Ecclesiastico Giovani, don Gian Luca affermano: “Abbiamo pensato di proporre ai giovani di prendersi un po’ di tempo e di sedersi come Maria per ascoltare la Parola di Dio.

Così, lunedì 11 marzo Francesca Russo, appartenente alla Comunità della Tenda del Magnificat, ci offrirà una meditazione sui testi della Passione per cercare “la parte migliore” per ciascuno di noi.
Martedì 12 marzo sarà don Marco Di Giosia, parroco della Parrocchia San Giuseppe in Paolantonio, a presentarci Marta, ovvero il rischio di occuparsi di tutto, ma non del necessario. In particolare don Marco si soffermerà sul vizio dell’accidia.
Giovedì 14 marzo Simone Caffarini, un giovane, presenterà ai giovani il profeta Giona, scelto e allo stesso tempo chiamato a scegliere “la parte migliore”. Faremo esperienza di un ascolto profondo e attivo della Parola di Dio che può rinnovare il mondo, ma non senza la collaborazione dell’uomo.

Naturalmente, la partecipazione è libera.
Siamo convinti che queste tre serate possano essere un valido aiuto anche per quei giovani impegnati nell’educazione dei ragazzi e nella catechesi.

Ringraziamo fin d’ora Francesca, don Marco e Simone per la disponibilità che ci hanno dato per progettare e preparare gli incontri.

Non ci resta che invitarvi a partecipare!”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *