Concluso il percorso di preparazione al matrimonio, promosso dalle Parrocchie di San Giuseppe e di Sant’Antonio di Padova

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di Rosalba

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si è concluso domenica 17 febbraio, presso il Monastero di S. Speranza di San Benedetto del Tronto, il percorso di preparazione al matrimonio, promosso dalle Parrocchie di S.Giuseppe e di S.Antonio della nostra città.

Il percorso integrato, iniziato ad ottobre, è stato guidato da P.Valerio Valeri,  P.Massimo Massimi, e dal diacono Walter Gandolfi  con la collaborazione di 3 coppie sposate.
Oggi si assiste ad una accentuato deterioramento della famiglia e dei valori del matrimonio, per questo il percorso proposto alle 8 coppie, che hanno frequentato gli incontri, ha posto l’accento sulle fondamentali verità cristiane sulle quali si costruisce una fede matura.
La preparazione al matrimonio costituisce un momento provvidenziale e privilegiato per quanti si orientano verso il sacramento cristiano . E’ un tempo prezioso e un passaggio essenziale da un livello di fede piuttosto esteriore e vago ad una scoperta del “mistero cristiano”.
Il punto forte della preparazione è stato incentrato sulla riflessione di fede attraverso la Parola di Dio e la guida del Magistero della Chiesa.
I futuri sposi sono stati aiutati a comprendere cosa significhi l’amore responsabile e maturo nella vita di coppia, vera Chiesa domestica che contribuirà ad arricchire la comunità cristiana.
Gli sposi devono essere consapevoli che il diventare una sola carne (Mt.19,6)in Cristo, in forza dello Spirito, significa dare alla propria esistenza una nuova conformazione battesimale; il loro amore diventerà, con il sacramento, espressione concreta dell’Amore di Cristo per la sua Chiesa(LG 11).

Molto positivo l’ultimo incontro vissuto fuori dal frenetico “fare” quotidiano presso il Monastero delle Clarisse, guidato da suor Patrizia, che ha creato uno spazio di profonda riflessione e di confronto, utile alle coppie per coniugare il senso della relazione con i valori culturali e religiosi presenti in una società complessa come la nostra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *