Il Santo con due piedi sinistri

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Di Giuseppe Mariucci,

MONTELPARO – E’ finalmente nelle nostre mani il libro del Professor Dottor Massimiliano Ghilardi “Il Santo con due piedi sinistri”, editore Luoghinteriori.
In esso sono inserite foto e citazioni del nostro Co-Protettore di Montelparo San Paolino!  E’ da precisare che “Il santo con due piedi sinistri” è il titolo del libro: nulla a che vedere con il nostro Santo.
Il Ghilardi mi scriveva recentemente: “Ti avevo accennato che lo stavo preparando! Ora il mio libro sui corpi santi in ceroplastica è finalmente uscito. …. Ovviamente il “nostro” San Paolino di Montelparo è uno dei soggetti di studio. …”.

Ma torniamo un attimo indietro!
Eravamo nel Gennaio del 2012 quando, per conoscere da vicino la realtà montelparese, ma anche per preparare al meglio il convegno di studi su Gregorio Petrocchini, in programma il 17 giugno di quell’anno (vedi il libro “Il Cardinal Montelparo: atti del  Convegno a Montelparo del 17 giugno 2012” quaderni della ricerca 17/2013 dell’Archivio Diocesano di San Benedetto del Tronto) al quale parteciparono, tra gli altri, anche il Vescovo Gervasio  Gestori e Monsignor Vincenzo Catani, si portarono a Montelparo, da Roma, due grandi studiosi:

-Il professore dottor Massimiliano Ghilardi e il professore dottor Padre Rocco Ronzani!

Furono accolti dall’allora Priore Parroco di San Michele Arcangelo Don Gianluca Pelliccioni, dal Sindaco Marino Screpanti, dal Professor Pietro Cocci, già sindaco e soprattutto storico di Montelparo tra i più accreditati, dall’assessore Daniela Illuminati, dal consigliere Gianluca Del Gobbo, dal Presidente dell’Associazione Culturale “Il Murello” Giuseppe Mariucci e dall’addetta ai servizi Culturali del Comune di Montelparo Maria Lina Baglioni.

Il Prof. Dott. Massimiliano Ghilardi, archeologo tardoantichista e direttore associato dell’Istituto Nazionale di Studi Romani, si occupa principalmente di storia e topografia di Roma tardoantica e della riscoperta, in ottica controriformista, delle antichità cristiane nella prima età moderna.

Il Prof. Dott. Padre Rocco Ronzani – OSA, è Docente di Patrologia e Vice Preside presso l’Istituto Patristico Augustinianum di Roma, Pontificia Università Lateranense e, all’epoca, Vice presidente del Centro Culturale Agostiniano, associazione nata per coordinare le attività culturali della Provincia Agostiniana d’Italia.

Gli ospiti visitarono con molta attenzione e curiosità questo nostro paese trovandolo meritevole di studio per i suoi innumerevoli siti storici.

Il Prof Ghilardi, inoltre, s’incuriosì e si soffermò soprattutto nell’osservazione dell’urna contenente il Santo Paolino Martire e del Suo corpo allora posti all’interno di uno degli altari laterali della Chiesa di Sant’Agostino!

Il 3 agosto 2015, per la festa di San Paolino Martire, scrivevo per “L’Ancora” quanto dal Ghilardi, nella sua visita, affermato: “Di questo “corpo santo” e martire, qui traslato da un’ignota catacomba romana, poco o nulla si conosce in assenza totale, allo stato attuale delle ricerche, di documentazione scritta”.

Il Ghilardi, nel corso di questi anni, ha poi proseguito a occuparsi dei corpisanti in cera riuscendo a conoscere meglio la loro tipologia alla quale appartiene anche il nostro San Paolino. Egli è riuscito a risalire all’artista che ne ha prodotto il corpo e anche a definire bene gli anni in cui è stato realizzato.

Per arrivare a questo e alla pubblicazione del testo, di cui parliamo oggi, ebbe bisogno di un consistente aiuto da parte nostra con moltissimi scatti fotografici effettuati sul corpo del Santo! Esse, che fanno bella figura di se e sono parte integrante del testo, si possono osservare sfogliando quello che ora è un testo veramente particolare e avvincente.

Infine ebbe a ringraziare affermando: “ Grazie per i riscontri prontissimi, grazie per la consueta cordialità, grazie per il ricordo affettuoso e grazie per la disponibilità! Siete particolarmente cari! Grazie! Ciao, e ancora grazie, Massimiliano”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *