“Bandiera Arancione” Il Sindaco di Acquaviva al convegno del Principato di Monaco

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

ACQUAVIVA PICENA – L’amministrazione comunale di Acquaviva Picena è stata invitata a partecipare al convegno svoltasi il 15 e il 16 febbraio presso il Museo Oceanografico del Principato di Monaco. Al convegno sono stati invitati tutti i sindaci e i rappresentanti dei cinquantaquattro Comuni Bandiera Arancione provenienti da diciotto regioni italiane, a questi si sono aggiunti ospiti del territorio ligure e colleghi francesi. La Bandiera Arancione è un’importante riconoscimento assegnato e controllato ogni tre anni a quelle località che non solo godono di un patrimonio storico, culturale e ambientale di pregio, ma che offrono anche un’accoglienza di qualità. Il sindaco di Acquaviva Rosetti, il vice sindaco Balletta, l’assessore alla cultura e turismo Riga e l’assessore alle infrastrutture Ionni hanno partecipato all’evento, che oltre che fornire un’importante confronto con gli organismi del Principato, ha anche offerto una grande occasione di promozione per tutti i piccoli comuni e per l’Italia tutta. Il convegno è stato organizzato dall’Associazione Paesi Bandiere Arancioni in collaborazione con la Fondazione Albert II di Monaco, il Comune del principato di Monaco, l’Ambasciata d’Italia e il Touring Club Italiano. I temi trattati hanno ruotato soprattutto sul risparmio energetico e l’utilizzo di nuove tecnologie, da anni il Principato di Monaco applica politiche capaci di risolvere questi problemi. Altri temi sono stati: la mobilità elettrica, le Smart City, il turismo, l’importanza dei piccoli comuni nel mercato nazionale odierno. Inoltre si è parlato delle motivazioni che hanno portato il Principato di Monaco a sottoscrivere un accordo per diventare la prima città europea a 5G. Il direttivo di Bandiere Arancioni ha organizzato una visita guidata dall’assessore al turismo del Principato, per tutti i rappresentanti dei paesi partecipanti.

Patrizia Neroni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *