Marche, rinascita dei territori attraverso nuove reti e sistemi museali

Condividi questo articolo sui social o stampalo

MARCHE – Nello spazio-eventi “Piazza Marche” si è parlato di rinascita dei territori. Reti e sistemi per i musei e il patrimonio culturale. E il lancio della rete e del biglietto unitario “Lorenzo Lotto. Il richiamo delle Marche ” in collaborazione con il MIBAC.

Daniela Tisi, consigliere del Ministro ai Beni Culturali, ha spiegato che una commissione interna al Ministero si sta occupando dello studio di possibili forme di gestione complessa dei beni culturali attraverso reti museali e sistemi territoriali. L’obiettivo della Commissione RST (Reti museali e Sistemi Territoriali), istituita con decreto del Ministro Bonisoli, sarà, quello di tracciare delle linee guida per sviluppare tutte le possibili strategie di collaborazione e cooperazione tra le istituzioni culturali pubbliche, quelle private e le realtà produttive territoriali, puntando all’aumento della fruibilità di tutti i siti culturali nel Paese. L’elemento principale per coinvolgere a livello locale tutti i soggetti pubblici e privati che operano nel campo dei beni culturali sarà la “progettazione partecipata”. Saranno, inoltre, incoraggiate forme di partenariato che contribuiscano a mettere a sistema strumenti e competenze, così da costruire una rete a livello nazionale che sia anche capace di connettere tra loro tutti i luoghi di interesse culturale e, soprattutto, di restituire la giusta dignità e fruibilità a quei siti definiti, ingiustamente, “minori”. La Commissione avrà a disposizione 12 mesi di tempo per formulare proposte finalizzate all’attuazione, da parte del Ministero per i beni e le attività culturali, di iniziative e politiche di valorizzazione integrata.

All’incontro hanno partecipato anche Peter Aufreiter- Direttore Galleria Nazionale delle Marche  e del Polo Museale Marche; Simona Teoldi Dirigente Servizio Cultura Regione Marche; Luca Butini Assessore alla Cultura del Comune di Jesi per le otto città lottesche. La riflessione comune è che una delle caratteristiche del nostro patrimonio culturale marchigiano è quella di essere un museo a cielo aperto da tutelare e valorizzare in una logica di sistema, affinché anche i contesti più periferici diventino dei poli di attrazione e di interesse internazionale, nonché generatori di nuove forme occupazionali. Occorrerà puntare quindi ad un’ innovativa gestione culturale che parte dall’ascolto dei territori e che su di essa fonda le sue linee programmatiche e di intervento e che potrà essere un vero motore di sviluppo culturale ed economico. Le Marche possiedono 25 capolavori del pittore veneziano Lorenzo Lotto conservate nei musei e nelle chiese di otto diverse località marchigiane la cui successione di visita può essere liberamente scelta (Ancona, Cingoli, Jesi, Loreto, Mogliano, Monte San Giusto, Recanati e Urbino). Il biglietto unico Lorenzo Lotto nelle Marche dà accesso ai musei di 5  località (Pinacoteca Civica di Ancona, Musei Civici di Palazzo Pianetti di Jesi, Musei Civici di Colloredo Mels di Recanati, il MASM-Museo Arte Sacra di Mogliano, Sala degli Stemmi del Palazzo Comunale di Cingoli) oltre alla visita del percorso multimediale dell’IME – Istituto Marchigiano di Enogastronomia con sede a Jesi, ente di rilievo regionale dedicato alla conoscenza, formazione, divulgazione e degustazione dei prodotto enogastronomici marchigiani di qualità.

 

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *