San Benedetto del Tronto, ”Dov’è tuo fratello?”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Dov’è tuo fratello?”. Questa domanda, pronunciata da Papa Francesco nell’omelia dell’8 Luglio 2013 a Salina, costituisce il titolo della  mostra che, presentata all’ultimo Convegno Fides Vita, verrà esposta a S. Benedetto del Tronto presso la Sala Consiliare dall’8 al 23 febbraio.

“Dov’è il tuo fratello?”, la voce del suo sangue grida fino a me, dice Dio. Questa non è una domanda rivolta ad altri, è una domanda rivolta a me, a te, a ciascuno di noi”, con queste parole Papa Francesco scuoteva il nostro cuore, interpellava la nostra coscienza. E continuava: “«Dov’è il tuo fratello?». Chi è il responsabile di questo sangue? (…). Oggi nessuno nel mondo si sente responsabile di questo; abbiamo perso il senso della responsabilità fraterna; siamo caduti nell’atteggiamento ipocrita del sacerdote e del servitore dell’altare, di cui parlava Gesù nella parabola del Buon Samaritano: guardiamo il fratello mezzo morto sul ciglio della strada, forse pensiamo ‘poverino’, e continuiamo per la nostra strada, non è compito nostro; e con questo ci tranquillizziamo,  ci sentiamo a posto”.

Questa mostra non intende entrare nel merito di quelle risposte che necessariamente la politica deve trovare e offrire; desidera solo porre al centro uno sguardo umano: quello sguardo umano che non può non essere criterio di fondo e di giudizio di ogni scelta e di ogni decisione, personale e comunitaria.

“Dov’è il tuo fratello?”. Che a nessuno accada di rispondere come Caino:  “Non lo so. Sono forse io il custode di mio fratello?”.

L’ incontro di approfondimento che si terrà venerdì 8 febbraio, moderato da Domenico Pellei, vedrà la partecipazione di Don Armando Moriconi, uno dei curatori, insieme a Pellei, della mostra, e di Emilio Drudi, giornalista e voce autorevole sul tema delle migrazioni.

La mostra è in collaborazione con il nostro giornale diocesano.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *