Montelparo saluta Padre Agostino Maiolini

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di Giuseppe Mariucci

MONTELPARO – E così Padre Agostino Maiolini ci lascia!
Lascia Montelparo, dove era arrivato domenica 21 settembre del 2014, per raggiungere la Parrocchia “Santa Maria Regina dei Martiri” di Dragona a Roma (nei pressi di Ostia Antica).
E’ lui stesso a spiegarci che:
-Nell’ultimo Capitolo Generale dei Padri Salvatoriani, tenutosi in Germania in occasione del centenario della morte del Fondatore, Venerabile Padre Francesco Maria della Croce Jordan, è maturata la decisione di aprire una nuova Parrocchia a Roma: quella di “Santa Maria Regina dei Martiri” appunto. Questa decisione è stata presa, dopo che a Roma è stato aperto un seminario internazionale di Giovani Teologi che si preparano al sacerdozio e che si inseriranno in Europa in aiuto alle varie Provincie Europee. La Parrocchia Romana diventa luogo, per questi giovani, per fare esperienza di apostolato come Salvatoriani, in quanto possono esprimere il carisma del Padre Jordan che si riassume nella frase del Vangelo di Giovanni che afferma: “Questa è la vita eterna! Che conoscano Te, l’unico vero Dio, e colui che hai mandato, Gesù Cristo” (Giov. 17,3)”-.

Citando uno dei motti cardine della Società del Divin Salvatore, Padre Agostino dice anche che:
-Finché c’è un solo uomo sulla terra, che non conosce e non ama sopra ogni cosa Dio, non t’è permesso riposare un momento.
Finché Dio non sia glorificato dappertutto, non t’è permesso riposare un momento.
Finché la Regina del cielo e della terra non venga onorata dappertutto, non t’è permesso riposare un momento.
Nessun sacrificio, nessuna croce, nessun soffrire, nessuna desolazione, nessuna tribolazione, nessun attacco, o nulla ti sia troppo difficile con la grazia di Dio.
Posso tutto in colui che mi conforta.
Nessun tradimento, nessuna infedeltà, nessun freddo, nessuno scherno diminuisca il tuo fuoco!-

Aggiungiamo che, Padre Agostino, ricopre la carica di Provinciale d’Italia quale Superiore dei Padri Salvatoriani. La Curia Generalizia del Divin Salvatore, da lui guidata, ha sede a Roma in Via della Conciliazione e dà proprio sulla Piazza della Basilica di San Pietro!

Continua Padre Agostino affermando che:
-Dopo 80 anni i Padri Salvatoriani lasciano questa Diocesi! Nel 1939 Padre Pancrazio Pfeifer, Generale dei Salvatoriani, scelse Montalto delle Marche come sede di una nuova attività apostolica per accogliere giovani che avessero desiderio di diventare religiosi salvatoriani. Negli anni ’50 il Collegio “Sisto V°” divenne Istituto per ragazzi solo studenti. Un convitto dove furono formati centinaia di giovani. Negli anni ’70 il Convitto venne chiuso e i Padri Salvatoriani continuarono a svolgere il loro apostolato nelle Parrocchie fino ai giorni nostri!-

E questo pomeriggio, nella palestra colma di fedeli e attrezzata per la celebrazione della Santa Messa, c’è stato il saluto di Padre Agostino ai suoi Parrocchiani Montelparesi!
La commozione era palpabilissima e ha attanagliato anche chi, come il Sindaco Marino Screpanti o il Presidente del Comitato di Sant’Antonio Abate Matteo Lupi o il Presidente dell’Associazione Culturale “Il Murello” Giuseppe Mariucci o le catechiste con i loro ragazze e ragazzi, o della Corale Petrocchini o di chiunque abbia voluto rivolgergli parole di commiato anche a nome dei cittadini!
Una breve ma significativa sequenza fotografica sottolineata da note musicali che andavano diritte al cuore, preparata e gestita alla grande da Cristian Mostardi e da lui proiettata su grande schermo, mostrava i momenti salienti della presenza a Montelparo di Padre Agostino. Non era difficile, ruotando lo sguardo verso i presenti, notare, in moltissimi occhi, lacrime di commozione!
Alla fine tutti hanno voluto salutare con un grande abbraccio colui che, per oltre quattro anni, ha saputo conquistare fiducia, affetto, stima con la sua importante e significativa presenza!
Ciao Padre Agostino e grazie per quanto hai saputo trasmetterci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *