Papa Francesco: “se la ricchezza non è condivisa la società si divide”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

“L’unità dei cristiani è frutto della grazia di Dio e noi dobbiamo disporci ad accoglierla con cuore generoso e disponibile”. Con queste parole Papa Francesco ha introdotto i Vespri nella Basilica di San Paolo fuori le Mura, all’inizio della 52ª Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani. “I cristiani dell’Indonesia, riflettendo sulla scelta del tema per la presente Settimana di Preghiera, hanno deciso di ispirarsi a queste parole del Deuteronomio: ‘La giustizia e solo la giustizia seguirai’ (16,20). In essi – ha aggiunto il Papa – è viva la preoccupazione che la crescita economica del loro Paese, animata dalla logica della concorrenza, lasci molti nella povertà concedendo solo a pochi di arricchirsi grandemente. È a repentaglio l’armonia di una società in cui persone di diverse etnie, lingue e religioni vivono insieme, condividendo un senso di responsabilità reciproca”. Ma ciò “non vale solo per l’Indonesia: questa situazione si riscontra nel resto del mondo. Quando la società non ha più come fondamento il principio della solidarietà e del bene comune, assistiamo allo scandalo di persone che vivono nell’estrema miseria accanto a grattacieli, alberghi imponenti e lussuosi centri commerciali, simboli di strepitosa ricchezza. Ci siamo scordati della saggezza della legge mosaica, secondo la quale, se la ricchezza non è condivisa, la società si divide”. “Dobbiamo infatti sforzarci di edificare coloro che sono deboli”, ha ribadito Francesco: “La solidarietà e la responsabilità comune devono essere le leggi che reggono la famiglia cristiana”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *