Unitalsi: da oggi ad Assisi l’incontro nazionale degli animatori

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Si svolgerà da oggi, 11 al 13 gennaio, ad Assisi, l’incontro nazionale degli animatori Unitalsi (Unione nazionale italiana trasporto ammalati a Lourdes e Santuari internazionali), tradizionale appuntamento di formazione, cui sono attesi più di 350 volontari. I lavori saranno aperti (ore 16.30) da mons. Francesco Cavina, Vescovo di Carpi sul tema “Il centuplo quaggiù” e dalla relazione di suor Elena Bosetti “Oggi sarai con me in Paradiso” (Lc 23, 35 – 43). La prima giornata si concluderà in serata con la prima parte della relazione “Apparizioni a Lourdes, raccontate da un animatore” a cura del presidente nazionale Unitalsi Antonio Diella.
Sabato 12 gennaio, i lavori prevedono la riflessione sul tema pastorale proposto dal Santuario Notre Dame di Lourdes per la stagione 2019: “Non vi prometto di rendervi felice in questo mondo, ma nell’altro” a cura di padre Andrè Cabes rettore del santuario francese. Seguirà la relazione di don Sabino Troia, assistente Unitalsi della sottosezione di Andria, su “Gaudete et exultate” e la seconda parte della relazione del Presidente Nazionale Unitalsi che concluderà, dopo la preghiera dell’Angelus, la sessione mattutina dei lavori. La sessione pomeridiana sarà dedicata al tema: “La comunicazione e l’ascolto” con la relazione di Silvia Della Morte. La giornata proseguirà con la celebrazione dei Vespri e la processione serale presso la Basilica di Santa Maria degli Angeli. Domenica 13 gennaio, sono previste le relazioni di mons. Carlo Bresciani, vescovo di San Benedetto del Tronto, sul tema “Il fine della vita, paura e speranza: verso l’incontro con la felicità” e l’intervento di Francesco Occhetta, docente, scrittore e giornalista della rivista Civiltà Cattolica su “L’esperienza spirituale del cammino dell’uomo. Conoscersi: l’arte di discernere le voci del cuore”.
La messa presso la Basilica Santa Maria degli Angeli concluderà l’incontro.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *