Papa Francesco: a Santa Marta, Dio “fa il primo passo” e ama “l’umanità che non sa amare”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Dio “fa il primo passo” e ama “l’umanità che non sa amare”, perché ha compassione e misericordia, mentre noi anche se siamo buoni, tante volte non capiamo i bisogni degli altri e restiamo indifferenti, “forse perché l’amore di Dio” non è entrato nei nostri cuori.
Così Papa Francesco nell’omelia della Messa celebrata ieri a Santa Marta, offerta in suffragio dell’arcivescovo Giorgio Zur, già nunzio apostolico in Austria, “che abitava in questa Casa” e “che è venuto a mancare ieri a mezzanotte”, ha detto Francesco, secondo quanto riferisce Vatican news. “Dio ha mandato nel mondo il suo Figlio unigenito, perché noi abbiamo la vita per mezzo di lui”, ha ricordato il Papa: “Questo è il mistero dell’amore – ha commentato – Dio ci ha amati per primo. Lui ha fatto il primo passo”. Un passo “verso l’umanità che non sa amare”, che “ha bisogno delle carezze di Dio per amare”, della testimonianza di Dio. “E questo primo passo che ha fatto Dio è il suo Figlio: lo ha inviato per salvarci e dare un senso alla vita, per rinnovarci, per ricrearci”. Poi Francesco ha fatto riferimento al brano del Vangelo di Marco sulla moltiplicazione dei pani e dei pesci. “Perché Dio ha fatto questo?”, la domanda. “Per ‘compassione’”, la risposta: compassione della grande folla che vede scendendo dalla barca, sulle rive del lago di Tiberiade, perché erano soli, ha sottolineato il Papa: “Erano come pecore che non hanno pastore”. “Il cuore di Dio, il cuore di Gesù si commosse, e vede, vede quella gente, e non può restare indifferente”, ha proseguito: “L’amore è inquieto. L’amore non tollera l’indifferenza. L’amore ha compassione. Ma compassione significa mettere il cuore in gioco; significa misericordia. Giocare il proprio cuore verso gli altri: è questo l’amore. L’amore è mettere il cuore in gioco per gli altri”. “Ai discepoli non interessava la gente”, ha puntualizzato il Papa: “interessava Gesù, perché gli volevano bene. Non erano cattivi: erano indifferenti. Non sapevano cosa fosse amare. Non sapevano cosa fosse compassione. Non sapevano cosa fosse indifferenza. Hanno dovuto peccare, tradire il Maestro, abbandonare il Maestro, per capire il nocciolo della compassione e della misericordia. E Gesù, la risposta è tagliente: ‘Voi stessi date loro da mangiare’. Prenditi carico di loro. Questa è la lotta fra la compassione di Gesù e l’indifferenza, l’indifferenza che si ripete nella storia sempre, sempre… Tante gente che è buona, ma non capisce i bisogni altrui, non è capace di compassione. È gente buona, forse perché non è entrato l’amore di Dio nel loro cuore o non lo hanno lasciato entrare”. A questo punto Francesco ha descritto una foto che è sulle pareti dell’Elemosineria Apostolica: “Uno scatto spontaneo che ha fatto un bravo ragazzo romano e lo ha offerto all’Elemosineria”. L’ha scattata Daniele Garofani, oggi fotografo de “L’Osservatore Romano”, di ritorno da un servizio di distribuzione pasti ai senzatetto con il card Krajewski. Era una notte di inverno, “si vedeva per il modo di vestire della gente”- ha spiegato il Papa – che usciva “da un ristorante”. “Gente tutta ben coperta” e soddisfatta: “Avevano mangiato, erano fra gli amici”. E lì, ha proseguito Francesco descrivendo la foto, “c’era una senzatetto, sul pavimento, che fa così…”, e ha mimato il gesto della mano tesa a chiedere l’elemosina. Il fotografo, ha raccontato ancora il Pontefice, “è stato capace di scattare nel momento nel quale la gente guarda da un’altra parte, perché gli sguardi non si incrocino”. Questa, ha commentato, “è la cultura dell’indifferenza. Questo è quello che hanno fatto gli Apostoli”. “Congedali, che vadano per le campagne, al buio, con la fame. Che si arrangino: è problema loro”. “Noi ne abbiamo: cinque pani e due pesci per noi”. L’amore di Dio sempre va per primo – ha detto il Papa – è amore di compassione, di misericordia”. È vero che l’opposto dell’amore è l’odio, ma in tanta gente non c’è “un odio cosciente”: “L’opposto più quotidiano all’amore di Dio, alla compassione di Dio, è l’indifferenza: l’indifferenza. ‘Io sono soddisfatto, non mi manca nulla. Ho tutto, ho assicurato questa vita, e anche l’eterna, perché vado a Messa tutte le domeniche, sono un buon cristiano’. ‘Ma, uscendo dal ristorante, guardo da un’altra parte’. Pensiamo: questo Dio che dà il primo passo, che ha la compassione, che ha misericordia e tante volte noi, il nostro atteggiamento è l’indifferenza. Preghiamo il Signore perché guarisca l’umanità, cominciando da noi: che il mio cuore guarisca da questa malattia che è la cultura dell’indifferenza”. Alla fine della Messa, Francesco ha inviato un cordiale saluto a Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, per il suo ottantesimo compleanno, ringraziandolo “per lo zelo apostolico con il quale lavora nella Chiesa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *