Padre Spadaro: sette parole per “riconnettersi con la società civile”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Paura, ordine, migrazioni, popolo, democrazia, partecipazione, lavoro.
Sono le sette parole sulle quali p. Antonio Spadaro, direttore de “La Civiltà Cattolica”, invita a riflettere per “tornare ad essere popolari” in questo tempo di cambiamenti e conflitti “che ci sfidano” e di fronte ai quali occorre “riconnettersi con la società civile” e con i “ceti popolari” per “ricostruire la relazione naturale con il popolo”. “Instillare la paura del caos è divenuta una strategia per il successo politico: si innalzano i toni della conflittualità, si esagera il disordine, si agitano gli animi della gente con la proiezione di scenari inquietanti”, avverte Spadaro che tuttavia ammonisce: la riflessione politica “sarà irrilevante se non entra in contatto con le paure dei nostri contemporanei”. Nell’analisi anche Europa, Stati Uniti, Russia, Cina: “Alla ricerca di un nuovo ordine mondiale che attualmente pare solo un gran disordine” occorre “una solida collocazione internazionale dell’Italia” e forse un “nuovo ordine mediterraneo”. E ancora: le migrazioni “rischiano di essere il grimaldello per far saltare l’Europa”. Vanno affrontate “con discernimento” mettendo in pratica “i valori di fondo dell’umanità” e lavorando all’integrazione.
“Non possiamo ridurre la questione del popolo a ‘populismo’”, l’ulteriore monito di Spadaro, secondo il quale “la questione centrale oggi è quella della democrazia” dal momento che “molte persone si avvicinano ai partiti populisti o alle sette fondamentaliste perché si sentono lasciate indietro”. “Si è incrinata la fiducia nei sistemi democratico-liberali” ma la democrazia rappresentativa parlamentare non è destinata a estinguersi anche se la domanda di “democrazia immediata”, della quale “si immagina che la rete possa essere luogo di azione e strumento, sembra averla messa in difficoltà”. Un problema e una sfida da accogliere. Per il gesuita occorre prendere atto che il consenso si forma anche nell’ambiente digitale dove si esprime anche il disagio. Di qui la necessità di “vivere la rete come forma di partecipazione democratica senza cadere in scorciatoie demagogiche”. Partecipazione l’ulteriore elemento dell’analisi, ossia, secondo parole di Papa Francesco, trasformazione “da abitante a cittadino”. Oggi molti europei non si sentono “cittadini” ma, avverte Spadaro, senza partecipazione “la democrazia si atrofizza, diventa una formalità, perché lascia fuori il popolo nella costruzione del suo destino”. Infine il lavoro tra neet e “disoccupazione tecnologica”. Servono le “tre T” spesso evocate dal Pontefice: “Tierra Techo Trabajo” per dare dignità, rendere possibile la famiglia e permettere lo sviluppo umano integrale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *