Una mattina davvero speciale per il CSER Biancazzurro

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Alle 10.30 di lunedì 17 dicembre, come per incanto, il Biancazzurro di San Benedetto del Tronto, si è tinto di rosso e di bianco, grazie a tutti gli alunni della Scuola Primaria Ragnola, che, con i loro cappellini, hanno creato una stupenda atmosfera natalizia!
Il susseguirsi delle poesie, dei canti, della piece teatrale, ha allietato gli ospiti del Centro, che hanno scandito la loro gioia col festoso battito delle mani!
L’emozione degli alunni, che hanno eseguito anche un suggestivo canto in latino, non ha affievolito l’intensità del loro messaggio: ricordare a tutti che “Sarà Natale se ami, se doni, se stai con chi è solo, se stringi le mani a chi soffre”.
La scelta delle docenti di proporre un’accademia di Natale per i residenti del CSER, in linea col nuovo progetto triennale del PTOF “Arte, Scienza e Bellezza”, ha voluto mettere in gioco emozioni, abilità e il desiderio di donare un momento intenso e significativo.
La Dirigente dell’IC San Benedetto Centro, Prof.ssa Laura D’Ignazi, ha sottolineato come la presenza di tutta la Scuola Primaria Ragnola sia stata un forte segno di comunione e condivisione coi “vicini di casa” del Biancazzurro, con la comunità del quartiere Ragnola, rappresentata dal Presidente, Ing. Giovanni Procacci e la parrocchia Sacra Famiglia con il parroco Don Francesco Ciabattoni.
Si è complimentata, inoltre, con le classi e le insegnanti, perché la magia delle parole ascoltate, in versi e musica, ha fatto vibrare i cuori di tutti i presenti, tra cui il responsabile della struttura diocesana, il diacono Giovanni Vai, e i genitori rappresentanti di classe.
Al termine la Direttrice del CSER, Dott.ssa Marvin Campolieti, davvero felice di questa esperienza, ha ringraziato i bambini per aver donato la bellezza del loro sorriso e ha invitato i residenti della struttura a consegnare ad ogni classe un contenitore ligneo decorato a mano da loro stessi.
É proprio vero che: “Donare un sorriso rende felice il cuore. Arricchisce chi lo riceve, senza impoverire chi lo dona”. (P. John Faber)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *