Papa Francesco: “Dio è entrato nel mondo in pazienza”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

“Quando Dio è entrato nel mondo per Maria, è entrato in pazienza”. Lo afferma Papa Francesco, nella decima puntata del programma “Ave Maria”, condotto da don Marco Pozza, teologo e cappellano del carcere di Padova, in onda su Tv2000 martedì 18 dicembre alle 21.05. Il programma “Ave Maria”, nato dalla collaborazione tra il Dicastero per la Comunicazione della Santa Sede e Tv2000, è strutturato in undici puntate, nel corso delle quali don Pozza conversa con il Papa sulla preghiera più conosciuta al mondo e incontra noti personaggi laici del mondo della cultura e dello spettacolo. Ospiti della decima puntata la cantante Noa e la giornalista Federica Angeli.

“Quando vedo il popolo cristiano paziente (gli ammalati che accettano la malattia, le mamme di famiglia, gli anziani soli che tollerano di esserlo, i detenuti e i tanti che sopportano il dolore con pazienza) – aggiunge il Papa – penso che chi patisce con pazienza si collega alla passione di Dio in Cristo. Ecco, quando penso ai segni di speranza, la parola che mi vien in mente è proprio pazienza”.
“Entrare in pazienza – prosegue Francesco – è la capacità di portare sulle spalle le cose della vita ma portarle con una speranza, portarle guardando avanti. Solo un appassionato è capace di pazienza. Chi non ha l’esperienza della passione cristiana, di essere appassionato, al massimo può arrivare alla tolleranza”.

Il Papa ribadisce poi che “la Chiesa è donna, la Chiesa non è maschio, non è ‘il’ Chiesa. Noi chierici siamo maschi, ma noi non siamo la Chiesa. La Chiesa è donna perché è sposa. Maria è donna, è sposa di Giuseppe, pienamente accogliente dello Spirito Santo e dunque Madre di Cristo e della Chiesa. Quest’ultima è la sposa di Cristo. C’è una percezione della ‘maternalità’ della Chiesa che viene dalla ‘maternalità’ di Maria, della tenerezza della Chiesa che viene dalla tenerezza di Maria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *