Montelparo, un successo il “2° Concerto di Polifonia Sacra e Profana”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di Giuseppe Mariucci,

MONTELPARO – Gli ingredienti per un memorabile pomeriggio c’erano tutti:
-Tre eccellenti formazioni canore;
-un repertorio adatto al momento, ma non solo, che stiamo per vivere: il Santo Natale;
-un contenitore storico unico che da solo dava un altissimo valore aggiunto all’avvenimento;
-un pubblico numeroso, competente e attentissimo ad ogni passaggio musicale proposto;
-una inaspettata e commovente sorpresa finale che ha preso gli animi dei presenti!

Stiamo parlando del “2° Concerto di Polifonia Sacra e Profana”, intitolato al “Maestro Mario Marziali” Musicista Montelparese, che si è tenuto presso il Santuario Agreste di Santa Maria in Camurano di Montelparo con l’intervento delle corali:
-“La Cordata” di Montalto delle Marche (direttore Maestro Patrizio Paci);
– “Sancta Maria in Viminatu” di Patrignone di Montalto delle Marche (direttore Maestro Marco Fazi);
– “D. Alaleona” di Montegiorgio (Direttore Maestro Mita Bassani).

Dopo l’iniziale e necessario intervento del Presidente dell’Associazione Culturale “La Murello” di Montelparo che spiegava le motivazioni per cui è nato questo concerto (ricordare il Maestro Marziali, recentemente scomparso, che dai primissimi anni ’50 fino al 2014 occupò in prima persona, con grande dedizione e competenza, gli spazi musicali di Montelparo), ogni corale si è occupata di far conoscere la propria storia e di intrattenere, con il proprio repertorio, il pubblico!

La sorpresa, però, sarebbe arrivata alla fine del concerto!

Per ricordare più concretamente l’indimenticato maestro Mario, il pomeriggio musicale vedeva l’esecuzione della Sua “Ninna Nanna” (parole del poeta locale Dante Tempestilli) preparata alla perfezione, e cantata quale solista, dalla piccola, bravissima Maria Baglioni. Maria era accompagnata da una parte della Corale Petrocchini di Montelparo con, alla tastiera, la disponibilissima Maestra Mita Bassani, direttrice della Corale Alaleona che, avvertita per tempo, era pronta per l’evenienza!

Non è stato difficile, al termine del canto di questa nenia, scorgere, negli occhi di molti presenti, lacrime di commozione! Tanti complimenti a Maria!

E’ stato compreso, grazie a lei, che anche per il 2018, con la sua delicata, bellissima voce “bianca”, sarà possibile perpetrare ottimamente una tradizione da tutti qui sentitissima. Essa vuole che questo pezzo sia proposto solo nella notte di Natale fin dal lontano 1950 quando, il piccolo Fulvio Beato, accompagnato all’organo dallo stesso maestro Marziali, commosse quelli che erano presenti nella Chiesa di Sant’Agostino! Il bambino, per di più, aveva perso la mamma solo da qualche mese.

Al termine del Concerto, gli organizzatori hanno voluto offrire una gustosa merenda presso la palestra comunale ai cantori intervenuti.

Ma le sorprese non erano ancora finite!
Qui, con una meravigliosa appendice, le tre corali ospiti, unite in un solo gruppo, hanno improvvisato una splendida “Signore delle Cime” per la felicità e la meraviglia dei presenti!
E questo non bastava ancora!

Durante la cena, seduti sulla tavola imbandita, i cantori del Coro Polifonico “D. Alaleona” hanno voluto improvvisare quel canto che fa parte della storia della Corale Montelparese e che a tutti i paesani è sempre rimasto nel cuore (soprattutto a quelli che, con il maestro Mario Marziali, per anni l’hanno eseguito!): “La Mietitura” o come lo chiamavano i coristi locali, ”Guarda ‘stu bellu gra’”!

A questo punto, gli organizzatori dell’evento (Amministrazione Comunale, Parrocchia di San Michele Arcangelo, Associazione Giovanile Il Chiostro, Associazione Culturale Il Murello, Volontari della Contrada di Santa Maria in Camurano), nel ringraziare indistintamente coloro che tutto questo hanno reso possibile, danno appuntamento all’anno prossimo per la terza edizione del Concerto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *