L’Istituto Alberghiero F. Buscemi ospita “Dolci trovati da sguardi incrociati”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’Istituto Alberghiero F. Buscemi di San benedetto del Tronto, nell’ambito del “progetto P.R.I.M.M. (Piano Regionale Integrazione Migranti Marche), organizza un Living Lab dal titolo “Dolci trovati da sguardi incrociati”. Gli studenti durante le lezioni di laboratorio di cucina hanno condiviso le ricette di dolci dei propri Paesi. Piatti che poi saranno riproposti il 19 dicembre e gustati durante il Lunch buffet.

L’evento si terrà presso la Sala Galiè dell’Istituto Alberghiero Buscemi mercoledì 19 dicembre alle ore 09.30.

La volontà di dialogare con culture plurali ha dato forma a ricette di paesi extraeuropei e ha permesso il raggiungimento di competenze e abilità ulteriori. La partecipazione degli studenti ai laboratori ha fatto incontrare i loro sguardi tanto da creare un clima di integrazione nella comunità scolastica.

Il programma dell’evento prevede i saluti della prof.ssa Manuela Germani dirigente scolastico dell’Istituto, del dott. Giovanni Santarelli dirigente servizio politiche sociali sport della Regione Marche, della dott.ssa Simona Marconi dirigente dell’Ambito Territoriale n. 21 di San Benedetto del Tronto, il sindaco Pasqualino Piunti e di varie Autorità Locali.

Vari saranno gli interventi all’interno della manifestazione tra cui quelli del prof.  Eduardo Barberis, professore dell’Università di Urbino che presenterà la ricerca “Associazionismo e Immigrazione nelle Marche” e della dott.ssa Ilaria Capponi che presenterà la realtà della Cooperativa Sociale Lella 2001.

“L’apertura attraverso il dialogo e la didattica laboratoriale con le culture plurali e modelli di vita, riferisce la prof.ssa Giancarla Perotti, F. S. all’Educazione alla Mondialità e responsabile del Progetto P.R.I.M.M. ci daranno la garanzia per gli studenti italiani e non, di acquisire nell’ambiente scolastico una reale esperienza di apprendimento e di inclusione sociale, obiettivi cui miriamo con il concorso e la collaborazione dei soggetti educativi presenti sul territorio: famiglie, enti locali, Università, Associazioni, Istituzioni a vario titolo interessate.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *