La morte di Antonio Megalizzi ci testimonia che un’altra Unione è possibile

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Ivan Maffeis

Cerco pensieri e parole per offrire ai parrocchiani uno spunto d’omelia in questa terza domenica del cammino d’Avvento. L’invito alla gioia che ne attraversa le letture si sovrappone con il viso sorridente e luminoso di Antonio Megalizzi, il giovane giornalista trentino rimasto vittima dell’attentato terrorista di martedì 11 dicembre ai mercatini di Natale di Strasburgo.
Davanti a volti come il suo diventa subito chiaro l’appello che Papa Francesco ha più volte ripetuto, scontentando chi presume di possedere verità: “Abbiamo bisogno di ascoltare i giovani, senza esclusioni. Ognuno di loro ha qualcosa da dire agli altri, ha qualcosa da dire agli adulti, ha qualcosa da dire ai preti, alle suore, ai vescovi e al Papa!”.

Quante cose ci affida Antonio; quante cose rimbalzano con intensità nei brevi anni della sua vita: la famiglia, lo studio, gli affetti; la volontà di andare oltre per conoscere, capire e incontrare; la passione per la radio, la politica, il giornalismo.

Quanti luoghi comuni contribuisce a spazzar via, quante analisi affonda, quasi le nuove generazioni fossero semplicemente sedute, ripiegate e spente.
Chi con violenza assurda e omicida ha voluto spezzare l’esistenza di Antonio ha ottenuto l’effetto contrario: la morte di questo giovane ha dato risonanza planetaria a un patrimonio di valori e progetti, di cultura locale e universale, di impegno civile aperto e propositivo. Mentre il mondo adulto trova nella crisi finanziaria, economica, sociale e politica dell’Europa un motivo per prenderne le distanze, Megalizzi ci testimonia che un’altra Unione è possibile, se non ci si limita a intervenire sugli effetti e non sulle cause.

Un’Unione non sopra gli Stati, né a prescindere dagli Stati, ma Casa comune proprio grazie alla capacità di valorizzare l’identità storica, culturale e morale dei popoli del Vecchio Continente e di costruirsi sul rispetto della dignità di ogni essere umano.

“Il tuo sorriso, Antonio, ha saputo toccare tanti cuori e varcare confini impensati – ha detto il vescovo di Trento, Lauro Tisi – è stato motore di relazioni e testimonianza della bellezza della vita, anche in queste drammatiche ore in cui ti abbiamo conosciuto più da vicino. Per questo ti diciamo un profondo grazie”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *