Comunanza, sviluppi sulla “Whirlpool”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di Giuseppe Mariucci

COMUNANZA – Ne avevamo parlato in un servizio, da queste stesse pagine, l’8 ottobre scorso!
Focus sulla situazione “Whirlpool” di Comunanza” avevamo testato l’articolo circa il problema “esuberi”!

“Riuscire a evitare questo pericolo sarebbe altamente positivo per questa punta estrema della Diocesi di San Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto delle Marche che coincide con i Comuni facenti parte della Vicaria Beata Assunta Pallotta (Comunanza, Montemonaco, Force, Montelparo, Rotella, Montedinove, Montalto delle Marche). Da questi comuni, infatti, arrivano tante forze lavorative impegnate in quest’azienda.” Dicevamo!

Oggi, sull’argomento, ci sono importanti sviluppi!

Gli incontri allora avvenuti, tra il Vice Primo Ministro Di Maio e la delegazione di Sindaci dell’Ascolano e del Fermano, appunto sulla vertenza esuberi, hanno prodotto quello che tutti si auguravano: una soluzione positiva per un problema complesso.

E’ stato, infatti, firmato il 24 ottobre scorso l’accordo quadro sul nuovo piano industriale tra l’Amministratore delegato della Whirlpool Italia, Davide Castiglioni, le organizzazioni sindacali, il Ministro per lo Sviluppo Economico, ed esponenti delle amministrazioni regionali. E, per lo stabilimento di Comunanza, erano presenti le Rappresentanze Sindacali.

Whirlpool Comunanza, con quest’accordo, non solo scongiura il pericolo esuberi per i lavoratori dello stabilimento di Comunanza, ma incrementa la produzione e prevede addirittura nuove assunzioni.
L’azienda trasferirà dalla Polonia la piattaforma per produrre lavasciuga e lavatrici a incasso e procederà anche con decine di nuove assunzioni. Garantiti nel frattempo gli ammortizzatori sociali.

Whirlpool rilancia con un piano d’investimenti in Italia da 250 milioni di euro per i prossimi tre anni. L’attuazione del piano industriale dell’azienda prevede la conferma dell’attuale organico nello stabilimento di Comunanza con un successivo incremento per garantire una produzione di 140.000 nuove unità l’anno!

Nel piano c’è, come atteso, il trasferimento dalla Polonia della produzione delle lavatrici e lavasciuga da incasso: il sito di Comunanza, in provincia di Ascoli Piceno, diventerà, per questi prodotti, il polo produttivo del gruppo per tutta l’area Emea (Europa, Medio Oriente e Africa).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *