Papa Francesco: “Se dicessi di non essere peccatore, sarei il corrotto più grande”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Papa Francesco con Marco Pozza

Maria non può essere la mamma dei corrotti, perché i corrotti vendono la mamma, vendono l’appartenenza a una famiglia, a un popolo. Cercano soltanto il proprio profitto, che sia economico, intellettuale, politico, di qualsiasi tipo. Fanno una scelta egoistica, direi satanica: chiudono a chiave la porta dal di dentro. E Maria non riesce a entrare. Si chiudono loro, per questo l’unica preghiera per i corrotti è che un terremoto li commuova talmente da convincerli che il mondo non è cominciato e non finirà con loro. Per questo loro si chiudono, non hanno bisogno di madre, di padre, di una famiglia, di una patria, di appartenere a un popolo. Coltivano soltanto l’egoismo, e il padre dell’egoismo è il diavolo.

Maria è madre di tutti noi peccatori, dal più al meno santo. È mamma. Ricordo che mia mamma, parlando di noi cinque figli, diceva: «I miei figli sono come le dita della mano, ognuno diverso dall’altro; ma se mi pungo un dito sento lo stesso dolore che proverei se me ne pungessi un altro». Maria accompagna la strada di noi peccatori, ognuno con i suoi peccati. «Prega per noi, peccatori» significa dire: «Sono peccatore ma tu custodiscimi». Maria è colei che ci custodisce.

Il peccato è molto vicino a un nodo. Nel suo pontificato, lei ha spesso citato un’immagine che arriva da Ireneo di Lione e che è stata ripresa anche dal Concilio: Maria che scioglie i nodi. Molte persone che incontro mi dicono: «Sto facendo la novena a Maria che scioglie i nodi». Mi ricorda un proverbio che la mia mamma usa ogni tanto come minaccia: «Tutti i nodi vengono al pettine». E io dentro di me penso: «È anche vero che tutti i nodi arrivano a Maria». È bellissima questa immagine del nodo di una matassa che Maria dipana. Quanta pazienza serve?

L’immagine di Ireneo risale al II secolo. Il Concilio Vaticano II la riprende nella Lumen gentium. Ireneo contrappone due donne: il nodo fatto da Eva con la disobbedienza e la mancanza di fede è sciolto da Maria appunto con la sua obbedienza e la sua fede. È un’immagine piena di significato.

E per me è pieno di significato, Papa Francesco, il fatto che lei si ostini a definirsi un peccatore al quale Dio continua a guardare con misericordia. Qualcuno si stupisce che un Papa possa dire una cosa simile, ma riconoscersi peccatori è il primo gradino per diventare santi…

È la realtà, figlio. È la realtà. Se dicessi di me di non essere un peccatore, sarei il corrotto più grande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *