Montelparo ha onorato il suo patrono, San Michele Arcangelo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di Giuseppe Mariucci

MONTELPARO – Montelparo ha reso oggi onore al suo Patrono San Michele Arcangelo.
Dopo due giorni di preparazione con un triduo di preghiere e canti, nella Chiesa dei Santi Pietro e Silvestro c’è stata la solenne celebrazione Eucaristica condotta dal Priore-Parroco Padre Agostino Maiolini coadiuvato da suo vice Padre Giovanni.
Un’attentissima e partecipata presenza ha visto qui tantissimi parrocchiani.

Il momento più particolare e atteso è stato quello che si ripete oramai da tanto tempo: la consegna delle chiavi della Città, da parte del Sindaco, al Santo Patrono. Essa è stata preceduta dalla supplica rivolta a San Michele Arcangelo, dallo stesso Sindaco, affinché protegga la popolazione montelparese.
Oggi il Santo Patrono è visibile in questa minuscola chiesa solo grazie a quella bellissima Icona dipinta e donata alla parrocchia dal grande artista colombiano Padre Juan Carrasquilla Ossa. La stessa è stata poi perfettamente incorniciata dall’altro grande artista qual è il nostro carissimo Padre Giovanni! Il simulacro che rappresenta il patrono, infatti, è “imprigionati” all’interno della Chiesa Parrocchiale per effetto dei gravissimi danni prodotti due anni fa dal sisma.

Dopo queste cerimonie, l’Icona del Santo è stata portata in una processione che ha attraversato vie e piazze del paese. In un solo punto ha fatto sosta: davanti all’area dedicata a San Padre Pio da Pietrelcina dove si erge un suo bellissimo busto. Qui il Priore ha impartito particolari benedizioni alle campagne, al paese e alla sua popolazione!

Mentre la corale ha fornito anche in quest’occasione il suo prezioso contributo, non poteva mancare il particolare canto in onore dell’Arcangelo Michele intonato e sostenuto alla grande da un commovente Padre Giovanni!

Un gradito rinfresco, offerto al termine delle cerimonie, attendeva tutti i fedeli nel piazzale sito nei pressi della chiesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *