Brasile: rapporto del Consiglio indigenista missionario

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Un aumento “sistematico e continuo” delle violenze contro i popoli indigeni del Brasile. È questo lo scenario descritto dal Rapporto sulla violenza contro i popoli indigeni del Brasile nel 2017, redatto dal Consiglio indigenista missionario (Cimi) e presentato ieri a Brasilia. Nello studio si enumerano diciannove tipologie di violenza contro i popoli e si mette in evidenza che in quattordici di queste si registra un aumento di casi rispetto al 2016; in tre casi i dati sono stazionari e solo in due casi diminuiscono. Tra i dati più drammatici quelli dei suicidi di indigeni, indotti da situazioni di violenza (128 casi), gli omicidi (110 casi), la mortalità infantile (702 casi).
Ha spiegato ieri durante la presentazione Roberto Liebgott, coordinatore regionale del Sud Brasile per il Comi e tra gli estensori del rapporto: “Questa edizione rende evidente una realtà di assoluta insicurezza giuridica che tocca i diritti individuali e collettivi dei popoli indigeni del Paese. A peggiorare le cose è la complicità dei tre poteri dello Stato attraverso una pressione sul territorio, con la pretesa di consentire lo sfruttamento delle sue risorse naturali”, anche attraverso la violenza sui villaggi delle popolazioni native.
Inoltre, “soprattutto i gruppi dei grandi proprietari terrieri hanno agito per garantire che tutte le condizioni per un nuovo processo di sfruttamento dei terreni, abitati tradizionalmente dagli indigeni, siano consolidate nel paese. In altre parole, la pretesa è quella di “usurpare le terre dei popoli originari di questo paese”.
Il rapporto evidenzia infatti l’aumento di tre tipologie di violenza contro la proprietà: omissioni e ritardi nella regolarizzazione dei terreni (847 casi); conflitti sui diritti territoriali (20 casi); invasioni ed espropri, con sfruttamento illegale di risorse naturali e danni vari alla proprietà (96 casi registrati). Fanno parte di quest’ultima categoria (con un forte aumento rispetto ai 59 casi del 2016) il furto di risorse naturali, come legname e minerali; caccia e pesca illegali; contaminazione dell’acqua e del suolo con pesticidi; incendi e altre azioni criminali. A questi fatti si aggiungono intimidazioni e minacce, a volte di carattere violento.
Il documento cita il caso della popolazione Karipuna, nello stato di Rondônia. Quasi estinta negli anni ’70, il territorio di questa popolazione era stato riconosciuto nel 1998. Ma partire dal 2015 il Territorio indigeno Karipuna è stato fatto ripetuto oggetto di furti di legname e altre risorse e di attacchi al proprio territorio. Dieci ettari di foresta sono andati distrutti.
Il rapporto del Cimi sottolinea anche che il governo del presidente Temer, nonostante le richieste, non ha riconosciuto nel corso del 2017 alcun territorio indigeno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *