Nicaragua: proseguono le manifestazioni, aggredito un sacerdote a León

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Si sono susseguite anche in questo fine settimana, in Nicaragua, manifestazioni per chiedere la liberazione dei prigionieri politici e le dimissioni del presidente Daniel Ortega. La Polizia si è posizionata lungo le strade, intimidendo alcuni giornalisti e cercando di impedire il passaggio del corteo in alcuni punti della città, ma non ci sono stati scontri degni di nota.
Proseguono invece atti di violenza verso uomini di Chiesa. Nella mattinata di sabato 15 settembre un sacerdote della diocesi di León, padre Abelardo Toval, che presta servizio nella chiesa di San Giovanni Battista, è stato colpito e ferito da alcuni individui incappucciati, che lo hanno successivamente rapinato, prendendo al sacerdote alcuni oggetti personali e il telefono cellulare. Non è ancora accertato, per la verità, se si sia trattato di un gesto legato a semplice criminalità o se se l’aggressione si sommi a quella subita in queste settimane da altri sacerdoti nell’ambito della repressione portata avanti da gruppi paramilitari vicini al governo del presidente Daniel Ortega. Il sacerdote non aveva in queste settimane ricevuto minacce. Padre Toval ha ricevuto una telefonata dall’arcivescovo di Managua, il card. Leopoldo Brenes, che ha manifestato la vicinanza e la preghiera di tutta la Chiesa nicaraguense.
Dal canto loro, i vescovi nicaraguensi sono ancora in attesa di una risposta di Ortega alla loro lettera di oltre un mese e mezzo fa, nella quale si dichiaravano disponibili a proseguire nell’esperienza del Dialogo nazionale ma chiedevano delle garanzie al presidente. “Ovviamente – ha dichiarato ieri alla stampa, dopo la messa domenicale, il vescovo di Matagalpa, mons. Rolando José Álvarez Lagos – siamo aperti a riattivare e proseguire il Dialogo nazionale, siamo sempre a disposizione per andare avanti, perché tutti sappiamo che è attraverso il dialogo che si trovano soluzioni pacifiche e giuste per tutti”. Nei giorni scorsi Ortega, in un’intervista, ha dichiarato di non essere interessato alla ripresa di quell’esperienza, ma una risposta ufficiale non è mai arrivata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *