I giovani del GREST di Ripatransone si sono gemellati con i ragazzi terremotati di Spelonga

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

ARQUATA DEL TRONTO – Giovedì 19 luglio 2018, i giovani e ragazzi del GREST di Ripatransone, guidati dal loro parroco don Nicola Spinozzi, sono partiti con tanta gioia verso Spelonga (frazione di Arquata del Tronto) per passare una splendida giornata con nuove persone e per fare nuove amicizie con i ragazzi del GREST locale e condividere un po’ di tempo con le persone che ha no subito i danni del terremoto. Sia durante il tragitto, durato poco più di un’ora, sia durante la loro permanenza, i ragazzi hanno avuto modo di rendersi conto di ciò che il dramma del terremoto ha causato. È stata una forte emozione per tutti vedere alcune case ancora in piedi, altre sono crollate per metà e sono evidenti le puntellature e i tetti sfondati. È ancora ben visibile l’arredamento delle case con le varie stanze dove alcuni sogni si sono infranti. Pertanto la presenza di tanti giovani è stata ben accolta e accettata come portatrice di speranza.

La giornata è trascorsa velocemente. I bambini del GREST di Spelonga e di Ripatransone hanno subito fatto amicizia e, dopo aver ballato e fatto qualche ban tutti insieme, hanno passato tutta la mattina a giocare. È stata sorprendente la velocità con la quale i bambini di Spelonga hanno preso confidenza con gli educatori, mostrando una semplicità unica e divertendosi anche con poco, come ad esempio una bambina che, prendendo un sacco di immondizia, vi si è messa dentro e ha urlato “Sono una secchionaa”. Simpatici e solari, hanno conquistato i nostri piccoli ripani e i cuori di tutti educatori. Tra un pezzo di pizza e un altro, tra un panino e un altro del nostro pranzo a sacco, i bambini hanno continuato a scorrazzare e a giocare; lo stesso vale anche per il pomeriggio. Insomma è stato un continuo ridere e scherzare. Insomma un momento di gioia e allegria per le popolazionI che ancora portano i segni del terremoto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *