Giornata mondiale rifugiati: i dati Onu, quattro migranti su cinque rimangono in Paesi vicini al proprio

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Secondo i dati del Rapporto annuale dell’agenzia Onu per i rifugiati (Unhcr) pubblicato oggi, l’85% dei rifugiati sono nei Paesi in via di sviluppo; molti di loro sono “disperatamente poveri e ricevono scarso sostengo”. Quattro rifugiati su cinque rimangono in Paesi vicini al proprio. Lo spostamento su larga scala oltre i confini riguarda quindi circa un terzo dei 68 milioni di sfollati globali, fa notare l’Unhcr. La fine dei conflitti in Siria, Afghanistan, Sudan del Sud, Myanmar o Somalia ridurrebbe in modo significativo i numeri. Se pochi sono i Paesi che generano sfollati su larga scala, altrettanto pochi sono i Paesi che ospitano grandi numeri: dieci Paesi hanno accolto il 63% dei rifugiati. La Turchia è stata anche nel 2017 il principale Paese ospitante rifugiati in termini di numeri assoluti, con 3,5 milioni di rifugiati, principalmente siriani; seguono Pakistan e Uganda con circa 1,4 milioni di rifugiati accolti; il Libano ne ha accolti 1 milione, la percentuale più alta rispetto alla popolazione nazionale. I rifugiati che nel 2017 sono riusciti a fare ritorno al Paese di origine sono stati 667.400, sebbene non siano note “le circostanze del loro ritorno”. Il rapporto Unhcr parla inoltre di 138.700 minori non accompagnati o separati dagli adulti nel 2017, dato che ritiene non sia attendibile per la “mancanza di informazioni” esaustive per questa “popolazione così vulnerabile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *