Papa Francesco: ai seminaristi, “state attenti a non diventare funzionari del sacro”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

“Per favore, state attenti a non diventare funzionari del sacro”. Si è concluso con questo invito il discorso a braccio del Papa ai seminaristi, svoltosi a marzo ma di cui ieri l’Osservatore Romano ha diffuso la trascrizione integrale. Francesco si è poi riferito esplicitamente ad alcune tentazioni della “cultura contemporanea” a cui sono esposti anche i preti: “Come entro, io, nel mio telefonino, nelle mie comunicazioni virtuali? Voi sapete bene di cosa parlo: cosa cerco di guardare, per curiosità? E voi lo sapete. C’è la cultura contemporanea che entra nella mia anima e la sporca. Poi, c’è l’ attrattiva del potere e delle ricchezze: è sempre così. Sant’Ignazio insegna, negli Esercizi, che ci sono tre scalini. Il primo la ricchezza, il secondo la vanità e il terzo la superbia, cioè il potere. Il diavolo entra dalle tasche, no? E mi piacciono i soldi? Mi piace la vanità? Questa è una delle difficoltà”. Tra le difficoltà della vita sacerdotale, Francesco ha citato “la sfida del celibato”: “Su questo – ha detto – state preparati perché: Se io avessi conosciuto questa donna prima di ordinarmi! In spagnolo si dice: ‘tarde piaste’, cioè te ne sei accorto tardi. Ma voi siete uomini normali, voi avete il desiderio di avere una donna, per amare. E quando venisse questa possibilità, come reagireste? Voi avete il desiderio di generare dei figli? Non solo spirituali, ma degli altri? Questa è una cosa che abbiamo nella nostra natura data da Dio. E poi, la comodità nel proprio ministero: ma, se è un po’ più comodo, non farlo con tanto sforzo….”. “Queste cose che ho elencato, adesso che voi siete negli studi, sono facili da risolvere; ma poi, nella vita, sarete più soli e queste cose ci saranno”, l’analisi del Papa: “Alcune sono cattive, altre buone; ma ci saranno. E per questo la formazione permanente deve essere così, sempre importante. Non solo per risolvere le tentazioni, ma anche per stare un po’ nell’ attualità, nello sviluppo della pastorale, della teologia, della vita della Chiesa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *