La diocesi di San Benedetto aderisce alla “XXII Giornata dei Bambini Vittime della violenza, dello sfruttamento e dell’indifferenza”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

DIOCESI – “Impegno senza sosta” è il tema della XXII Giornata dei Bambini Vittime della violenza, dello sfruttamento e dell’indifferenza che nasce nel 1995 ad Avola, nel quartiere della Parrocchia Madonna del Carmine, dalla sofferenza, dalle lacrime, dalla rabbia, dal dolore per l’infanzia violata di una bambina di 11 anni e di un ragazzo di 14 anni.

Gli episodi di violenza spinsero don Fortunato Di Noto a concentrare i suoi sforzi e le sue risorse per il contrasto della pedofilia e della pedopornografia.

La Giornata dei Bambini Vittime ha assunto carattere nazionale e internazionale per la Chiesa, la società civile e le realtà politiche e culturali. Nello specifico, le comunità parrocchiali pregano e riflettono sulla condizione dell’infanzia; le alte cariche dello Stato, nonché Ministri ed enti locali aderiscono attraverso momenti di riflessione e sensibilizzazione. Anche università, scuole ed aggregazioni politiche, sindacali e culturali sono partecipi.

Il Santo Padre, in occasione della GBV, rivolge un “saluto speciale” all’Associazione Meter che ogni anno si reca in Piazza San Pietro per rispondere al saluto del Papa e testimoniare così l’inarrestabile lotta per l’infanzia.

Anche la nostra diocesi intende aderire alla proposta promossa dall’associazione Meter per il prossimo 6 maggio. In modo particolare, oltre a far  conoscere l’iniziativa nelle diverse realtà ecclesiali, si invita domenica prossima  ad inserire una particolare intenzione nella preghiera universale dei fedeli.

La PREGHIERA.  “Donaci, o Signore di servire sempre la promozione dell’amore e del rispetto per i piccoli, tuoi prediletti e suscita servitori amorevoli e responsabili che impediscano gli abusi nella Chiesa e nella società”.

C’è sempre un bambino da salvare, da aiutare, da liberare, da tutelare, da far crescere con dignità nel rispetto della sua fragile condizione umana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *