Istituto Suore Pie Operaie dell’Immacolata Concezione, “Intercultura, cibo e turismo. La prima colazione nel mondo”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si terrà giovedì 26 aprile, all’Istituto alberghiero “F. Buscemi” di San Benedetto del Tronto, il workshop internazionale “Intercultura, cibo e turismo. La prima colazione nel mondo”. La giornata è organizzata in collaborazione con l’Istituto italiano Suore Pie Operaie dell’Immacolata Concezione e rappresenta la sintesi di due importanti progetti formativi: “P.R.I.M.M.”, finalizzato alla riqualificazione del sistema scolastico nei contesti multiculturali e valorizzazione della funzione educativa della scuola, e “Dream, believe, achieve”, un training course internazionale realizzato con il programma europeo Erasmus+.

L’evento vedrà la partecipazione degli studenti di sala, cucina e ricevimento e di aspiranti imprenditori provenienti da Italia, Armenia, Spagna e Georgia. La partnership tra i due istituti mira a rafforzare le competenze dei giovani nel settore turistico attraverso lo scambio di conoscenze ed esperienze.

Durante il convegno si discuterà delle caratteristiche della prima colazione e saranno esaminate le differenze ed analogie del pasto più importante della giornata tra le varie nazioni. Al termine saranno preparate dal vivo le ricette delle colazioni tipiche di Italia, Armenia, Spagna e Georgia.

Il progetto “Dream, believe, achieve”, nato dalla partnership tra l’Istituto italiano Suore Pie Operaie dell’Immacolata Concezione, l’associazione armena Youth for Exchange and Cooperation, la spagnola Aidejoven  e la Georgian Youth for Better Future, rientra nel programma Erasmus + nell’ambito della “Key Action 2: Capacity building in the Field of Youth – Partnership per l’imprenditorialità”.

Le attività, che si svolgono durante 12 mesi nelle 4 nazioni partner, sono finalizzate all’acquisizione di competenze imprenditoriali nel settore del turismo sostenibile. Un segmento in forte crescita in Armenia e in Georgia nonché settore chiave dell’economia in Spagna e Italia.

“La collaborazione con l’Istituto alberghiero è una preziosa occasione di scambio di competenze e conoscenze a livello internazionale per tutti i partecipanti – dichiara Alceste Aubert, coordinatore del progetto – poiché permette ai ragazzi in formazione di conoscere le opportunità del programma Erasmus+ e contestualmente di mettere in risalto le buone pratiche nel settore dell’accoglienza turistica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *