“Scaramouche” A tu per tu con Berdini, Capoferri e Alesiani

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il 21, 22 ed il 23 aprile a Rapagnano, a San Benedetto del Tronto e a Servigliano si terrà il concerto “Scaramouche”.
In particolare domani, domenica 22 aprile alle ore 17:00, il concerto si terrà presso la chiesa dell’Annunziata a Porto d’Ascoli, dove vi sarà anche la straordinaria partecipazione del coro liturgico Ss. Annunziata guidato da Marco Laudi, promotore dell’iniziativa, che aprirà il concerto regalando l’ascolto di alcuni brani liturgici.

Abbiamo intervistato per l’occasione:
Daniele Berdini al sassofono (v. guida per biografia)
Sergio Capoferri alla fisarmonica (v. guida per biografia)
Giuseppe Alesiani pittore e artista che ha realizzato il dipinto posto sulla copertina del nuovo CD.

Perché fate queste tre tappe?
Berdini: nasce per il fatto che siamo nati in questi territorio pertanto ci è sembrato corretto fare il concerto
nei luoghi natii quindi rispettivamente Servigliano, per Berdini e San Benedetto del Tronto più precisamente
Porto d’Ascoli per Capoferri; Rapagnano, invece, per gentile concessione del teatro da parte del comune
medesimo.
Capoferri: da qui è nata l’idea di commissionare la copertina, con sullo sfondo una sorta di musical, come
arte unita e di riflessione dei tempi moderni; ci accompagna un’arte statica, che nel disco diventa dinamica
e nel concerto suonata.
Il dipinto eseguito da Giuseppe Alesiani rappresenta nel migliore dei modi la nostra volontà e la nostra
espressione musicale; come si può vedere dal quadro, vengono uniti la musica, l’arte, la pittura.
Alesiani: dalle Marche viene fuori questo risultato; il connubio è totale ossia l’unione della musica con
l’arte, partendo dalle proprie origini, dalle proprie radici territoriali, in questo caso le Marche.
Quando mi hanno proposto di fare qualcosa inerente a quello che i due musicisti volevano fare il mio primo
pensiero è andato alle Marche ecco la presenza del pentagramma unito alle colline marchigiane, con
l’aggiunta dei due strumenti musicali cardini del CD.
Quando avete registrato questo nuovo album?
Berdini: la registrazione è avvenuta a maggio del 2017 in teatro, in tre giorni di lavoro. Segue quella che noi
chiamiamo la “post produzione” ossia la fase più lunga e complessa.
Capoferri: vorrei aggiungere che il terremoto ha fatto da protagonista nel CD; ha accelerato nonché
scatenato la pubblicazione e l’uscita dell’album.

Il titolo, Scaramouche da cosa deriva?
Berdini: deriva da un brano che è inserito nel CD che ci rappresenta un pochino di più; è quello che ci ha
procurato maggior impegno, sia sull’adattamento, sia nella realizzazione; è stato scritto originariamente per
due pianoforti, ed oggi è stato riadattato e rielaborato dal maestro Capoferri per fisarmonica e per sax.
Capoferri: non c’è musica che sia edita per questo tipo di formazione sax e fisarmonica, pertanto tutto ciò
che si ascolta per fisarmonica è novità o adattamento; la curiosità per chi verrà ad ascoltare questo
concerto sarà scoprire quali cose musicali potranno emettere il sassofono assieme alla fisarmonica.

Una chicca per chi ci legge?
Durante il concerto, eseguiremo anche un brano che non è presente sul CD; dall’opera lirica Norma
eseguiremo delle intere variazioni da” Casta Diva” di Bellini.

Riepilogo date del concerto:
21 aprile, ore 21:15, presso il teatro Giacomo Emiliani di Rapagnano;
22 aprile, ore 17:00, presso la chiesa dell’Annunziata a Porto d’Ascoli, dove vi sarà anche la partecipazione
del coro liturgico Ss. Annunziata guidato da Marco Laudi, che aprirà il concerto regalando l’ascolto di alcuni
brani liturgici.
23 aprile, alle ore 21:15, presso il teatro comunale di Servigliano.

Durante tutti e tre i concerti verrà esposto il quadro originale realizzato appositamente da Giuseppe
Alesiani e rappresentato nella copertina del CD.

Gli organizzatori dichiarano: “Al termine del concerto, per chi vorrà, sarà possibile interloquire con gli artisti e ricevere una copia del CD in omaggio a fronte di una offerta; una parte del ricavato sarà donato all’AIL, sezione di Ascoli Piceno.
Ingresso libero, Buon Ascolto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *