Successo per “Work in Germany” all’Istituto Alberghiero di San Benedetto del Tronto

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Le opportunità di lavoro nel campo della ristorazione all’estero sono state al centro dell’iniziativa “Work in Germany” che ha fatto tappa ieri all’Istituto Alberghiero “Buscemi” di San Benedetto del Tronto. Le funzionarie dell’Agenzia del Lavoro (ZAV) di Dortmund Biancamaria Dilonardo Wehener e Stephanie Diegel hanno illustrato dati e caratteristiche di un mercato in forte espansione e solido come quello tedesco alla ricerca di figure professionali specializzate come chef, receptionist, addetti alla accoglienza e camerieri di sala.

Non è un caso, infatti, che l’iniziativa, realizzata dalla rete Eures in collaborazione con i Centri per l’Impiego, sia stata organizzata proprio negli istituti Alberghieri di alcuni centri delle Marche (Jesi, Pesaro, Cingoli, San Benedetto, Senigallia) che rappresentano un’eccellenza nel campo della formazione professionale e didattica in ambito turistico e ricettivo.

Gli allievi del Buscemi hanno seguito con interesse la relazione delle consulenti Eures della Germania, ponendo anche alcuni quesiti su aspetti tecnici e normativi riguardanti l’ingresso nel sistema lavorativo tedesco. Non è mancata una fase pratica con colloqui orientativi finalizzati a valutare la conoscenza delle lingua, le motivazioni dei giovani candidati e la raccolta dei curriculum vitae. La manifestazione ha visto anche la presenza di numerosi utenti interessati, in possesso dei requisiti richiesti, che hanno avanzato la propria candidatura per lavorare, fin da subito, all’estero.

Al termine dell’incontro, grande soddisfazione è stata espressa dai docenti del “Buscemi”, tra cui la prof.ssa Lorena Felicioni e il prof. Ercole Capriotti, che hanno sottolineato la valenza di un progetto che da un lato ha stimolato i ragazzi a interrogarsi sul proprio futuro e, dall’altro ha consentito loro di confrontarsi con professionisti del settore e allargare la prospettiva fuori dai confini nazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *