Dal Cipe 20 milioni alle Marche

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

MARCHE – Sono 19,4 i milioni di euro assegnati alle Marche per gli investimenti strategici sostenuti con il Fondo sviluppo e coesione 2014/2020: 11,4 riguardano nove interventi ricompresi nel Piano cultura e turismo, 8 milioni interessano quattro infrastrutture di trasporto (due stradali, due per la mobilità sostenibile). Il Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe) ha ripartito le disponibilità, a livello nazionale, tra i vari settori previsti dal Fondo. Risorse importanti che favoriranno la crescita dell’offerta culturale e turistica regionale, coinvolgendo beni di grande interesse su tutto il territorio. Gli investimenti sosterranno il recupero e la valorizzazione di tesori locali, accrescendo la competitività e l’attrattività territoriale, oltre a migliorare la mobilità. La ripartizione vede l’assegnazione di 3 milioni per il recupero e la riqualificazione della Cittadella di Ancona. Altri tre milioni sono destinati al restauro e alla valorizzazione della Piscina e grotta sudatoria di Acquasanta Terme. Un milione è destinato al recupero e alla riqualificazione del polo museale ex Convento di San Francesco di Monsampolo del Tronto e, sempre un milione, per il Polo culturale di Villa Baruchello di Sant’Elpidio a Mare. Trecento mila euro vanno alla riqualificazione, come residenza artistica, del Complesso di Villa Nappi di Polverigi e altri trecento al restauro del Teatro Rossini di Pesaro. Un milione è destinato al consolidamento del teatro romano e adeguamento dell’area del criptoportico del Parco archeologico di Urbisaglia. L’allestimento del polo museale e centro visita per la valorizzazione del patrimonio culturale piceno del Parco del Conero, a Numana e Sirolo, vedrà un sostegno di 800 mila euro. Un milione è infine destinato alla riqualificazione della casa museo di Raffaello (Urbino), in vista delle celebrazioni del 2020. Per quanto riguarda le infrastrutture stradali, 3 milioni sono destinati a migliorare la viabilità di collegamento tra le zone industriali di Castelfidardo, Osimo, Recanati, Loreto e la S.S. 16 (evitando i centri abitati degli stessi comuni); 1,5 milioni per la viabilità di collegamento della Vallata del Potenza a Macerata e al nuovo ospedale (si prevede la connessione della viabilità esistente a quella principale di connessione al capoluogo e alla nuova struttura sanitaria). Due interventi riguardano le ciclovie: 1,5 milioni quella di collegamento dal Ponte sul fiume Tronto al Parco Naturale della Sentina (completamento della ciclovia adriatica); 2 milioni quella di Pesaro-Unione Pian del Bruscolo (connessione alla ciclovia adriatica).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *