Diocesi, Don Juvénal: Oggi in Congo c’è la guerra a causa delle potenze straniere che ne sfruttano le ricchezze

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Leggi l’articolo I stazione quaresimale a Martinsicuro, la gioia del camminare insieme

“Sono Don Juvénal Mukamba, sacerdote della diocesi di Uvira nella Repubblica democratica del Congo. Sono in Italia per motivo di studio e sono stato accolto in questa diocesi di San Benedetto del Tronto da Monsignor Carlo Bresciani e ospitato da Don Francesco, Parroco della Parrocchia Sacra Famiglia”.

Con queste parole si è aperta la testimonianza di Don Junéval, pronunciata venerdì 23 febbraio, presso la Chiesa di San Gabriele dell’Addolorata di Martinsicuro durante la celebrazione della I stazione quaresimale.

Il sacerdote congolese ha poi affermato (testualmente): “Sto facendo il dottorato in teologia dogmatica presso l’università Angelicum di Roma. Sono davanti a voi per presentarvi una panoramica della situazione del mio paese, la Repubblica democratica del Congo. La Repubblica Democratica del Congo sta andando molto male oggi.
La grande crisi sanguinosa, sociale, economica e politica in cui vive risale agli anni precedenti. Tutto inizia chiaramente col movimento indipendentista dei paesi africani. Il territorio ora noto come Repubblica Democratica del Congo è stato popolato per almeno 200.000 anni prima di Gesù Cristo. Gli europei riconoscono la regione solo nel 1482-1483 con la scoperta della foce del fiume Congo da parte del marinaio portoghese Diego Cão . Il regno di Kongo è quindi al suo apice. Dal 1879, l’esploratore Henry Morton Stanley esplorò l’interno del futuro paese per conto del re del Belgio Leopoldo II. Durante la Conferenza di Berlino (1884-1885), quest’ultimo riuscì a far riconoscere alle altre potenze europee il suo possesso del Congo. Questo è l’inizio della colonizzazione. Il settore controllato prende il nome di stato indipendente del Congo sebbene sia di fatto la proprietà personale di Leopoldo II. Nel 1908, il Parlamento belga rilevò, per eredità di re Leopoldo II, la tutela del territorio, di recente nominata Congo belga. Il 30 giugno 1960 il Congo lotta contro l’indipendenza dal Belgio. Patrice Lumumba ha un ruolo chiave in questa emancipazione. Questa indipendenza non ha soddisfatto le potenze occidentali che già sfruttavano la ricchezza di questo territorio e non erano ancora pronti a concedere al Congo la sua indipendenza.
Di conseguenza, l’indipendenza trasforma il paese in un caos: alcune parti del paese si stanno disboscando. Temendo per la loro vita, i belgi fuggono; Il Belgio e poi le Nazioni Unite inviano truppe; i governi congolesi si succedono dopo l’assassinio di Lumumba (gennaio 1961). Nel 1965, Mobutu, capo dello staff dell’esercito, rovesciò il primo presidente dopo l’indipendenza, Joseph Kasavubu. Il Congo ritrova una certa stabilità a spese di un regime autoritario. Diventa Zaire. Mobutu si mantiene al potere durante trentadue anni. Riuscì a distruggere il paese con la sua tirannia e la corruzione su larga scala: Nessun lavoro, nessun salario, nessuna scuola, la gente viveva in una miseria indescrivibile . Nel 1996, Laurent Désiré Kabila, una forza ribelle, lo costrinse a fuggire da Kinshasa. Il regime cade, indebolito dalla crisi economica, screditato dalla corruzione e abbandonato dalle potenze occidentali . Laurent-Désiré Kabila, si è proclamato Capo dello Stato nel maggio 1997. Il paese ha cambiato nuovamente il suo nome per diventare la Repubblica Democratica del Congo. Kabila guidò il paese in autocratico e lo gettò di nuovo in guerra (Seconda guerra del Congo). È stato assassinato nel 2001 perché stava diventando una grande minaccia per gli interessi delle potenze occidentali.

Suo figlio viene messo al potere senza alcuna preparazione . Dal 2001 quest’ultimo presidente è riuscito a sviluppare l’arte del crimine lavorando per gli interessi di coloro che lo hanno messo al potere, cioè le potenze occidentali. Il paese è riuscito a organizzare due elezioni democratiche che Kabila figlio è riuscito a vincere senza molta trasparenza. Ora che questi due mandati costituzionali sono finiti, la costituzione gli rifiuta un altro mandato, purtroppo non vuole più lasciare il potere, e precipita il paese in un caos e una totale confusione. Nel mezzo di queste turbolenze, la Chiesa e più in particolare la Chiesa cattolica romana è stata vicina al popolo sin dal movimento indipendentista . Non ha abbandonato la gente nonostante l’oppressione che ha sofferto e continua a soffrire oggi (preti e suore vengono rapiti e uccisi) .

Le opere sociali che la Chiesa promuove, come la costruzione di scuole e ospedali, danno un notevole contributo al bene e lo sviluppo della popolazione congolese. Purtroppo, questa stessa popolazione, essendo povera, non è in grado di mantenersi perché i genitori devono pagare la scuola per i loro figli, dall’asilo all’università senza l’aiuto del governo. Questo popolo è immerso nella miseria poiché i governanti sono egoisti e senza amore per il paese e lavorano per conto loro e per coloro che danno loro questo potere. Questo popolo è immerso nella miseria perché nel paese c’è sempre la guerra mantenuta dalle potenze straniere per sfruttare meglio la ricchezza di questo paese senza controllo. Questo popolo è immerso nella miseria poiché da decenni la guerra uccide esseri umani. Molte generazioni nascono in guerra e non sanno cosa significa la pace. Mi ricordo quando arrivammo in Italia per studiare, passammo il nostro primo Natale nelle parrocchie. Alla vigilia di Capodanno un collega sacerdote congolese fuggì dalla sua stanza mentre sentiva i fuochi d’artificio credendo che fossero bombe che aveva sempre sentito in Congo.

Molti dei nostri concittadini vivono in una paura simile. Oggi in Congo è aumentata l’insicurezza senza precedenti: è la legge della giungla. Le persone sono uccise per il cibo. I ladri saccheggiano e uccidono senza paura ne problemi di coscienza. In molte famiglie, ci sono turni per mangiare: se questa parte della famiglia ha mangiato oggi, domani sarà il turno dell’altra parte, e molte persone moionno di fame , molti bambini si perdono la scuola a causa della miseria e dell’insicurezza economica e sociale. La Chiesa oggi, da e con Papa Francesco, cerca con la preghiera e l’ascesi di portare consolazione e pace a questo popolo congolese che non ha mai conosciuto la pace da decenni; la nostra Chiesa è alla ricerca delle vie di uscita per un futuro migliore e più luminoso per questo popolo congolese. Confidiamo sempre nelle vostre preghiere e aiuti di qualsiasi tipo. Ringraziamo Papa Francesco per il suo sostegno morale e spirituale al punto di dedicare a livello della chiesa universale questo giorno come giornata di preghiera per la Repubblica Democratica del Congo e per il Sud Sudan, ringraziamo la Diocesi di San Benedetto del Tronto e S.E. Mgr Carlo Bresciani per sostenere il Papa in questo sforzo e dedicare questa sera a questo motivo, ringraziamo la Parrocchia Sacra Famiglia e Don Francesco Ciabattoni che ha dedicato una settimana di preghiera con i suoi parrocchiani per questi due paesi africani in difficoltà, ringraziamo Don Patrizio che ci ha chiesto di preparare questa testimonianza, ringraziamo tutti voi che siete venuti in questa chiesa di Villa Rosa per pregare e tutte le persone unite nella preghiera oggi 23 febbraio 2018 per questi due paesi africani. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *