Quaresima: padre Cantalamessa, trasformarsi per trasformare il “mondo”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Nella prima predica di Quaresima nella cappella Redemptoris Mater in Vaticano padre Raniero Cantalamessa, predicatore della Casa Pontificia, sottolinea che per trasformare il mondo bisogna trasformare noi stessi. La sua riflessione di ieri – riferisce “Vatican News” – ruota attorno alle parole di San Paolo nella Lettera ai Romani: “Non conformatevi alla mentalità di questo mondo”. Non dice, poi, “trasformatelo” ma appunto “trasformatevi” . Questa prima meditazione introduce nello spirito della Quaresima, senza entrare nel tema specifico in programma – “‘Rivestitevi del Signore Gesù Cristo’ (Rm 13,14). La santità cristiana nella parenesi paolina” – anche per l’assenza di parte dell’uditorio, il Papa e la Curia Romana impegnati nell’ultima giornata degli Esercizi spirituali ad Ariccia.
Il frate cappuccino ricorda che l’atteggiamento di Gesù verso il mondo è quello di “essere nel mondo, ma non del mondo”, che in se stesso, nonostante tutto, è una realtà buona in quanto creato da Dio. Quindi, padre Cantalamessa analizza il rapporto fra il pensiero cristiano e il “mondo” lungo i secoli, fino alla cosiddetta “teologia della secolarizzazione” che finisce nell’ideale di una fuga “verso” il mondo, cioè una mondanizzazione. “Sappiamo già – spiega padre Cantalamessa – qual è, per il Nuovo Testamento, il mondo al quale non dobbiamo conformarci: non il mondo creato e amato da Dio, non gli uomini del mondo ai quali, anzi, dobbiamo andare sempre incontro, specialmente i poveri, gli ultimi, i sofferenti. Il ‘mescolarsi’ con questo mondo della sofferenza e dell’emarginazione è, paradossalmente, il miglior modo di ‘separarsi’ dal mondo, perché è andare là, da dove il mondo rifugge con tutte le sue forze. È separarsi dal principio stesso che regge il mondo, che è l’egoismo”.
Il terreno di “scontro primario” fra il cristiano e il “mondo” è la fede, dice padre Canatalamessa che fa riferimento alle “conclusioni che tirano gli scienziati non credenti dall’osservazione dell’universo” e altri: nel migliore dei casi “Dio viene ridotto a un vago e soggettivo senso del mistero e Gesù Cristo non è neppure preso in considerazione”. L’“adattamento allo spirito dei tempi” è quando il mondo addormenta le persone succhiando le energie spirituali e iniettando una specie di liquido soporifero.
Infine, un monito a non confermarsi all’ambito delle immagini, nel senso che bisogna “digiunare dalle immagini del mondo”, mentre oggi si digiuna solo per mantenere la linea. Un aspetto che riguarda spesso internet. E se accade di essere turbati da alcune immagini, il suo invito è a guardare il Crocifisso o andare davanti al santissimo. All’inizio di questa Quaresima bisogna, quindi, “passare dal mondo per non passare con il mondo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *