Chiese danneggiate dal terremoto, 13 interventi in diocesi, i finanziamenti parrocchia per parrocchia: Force, Castignano, Cossignano, Comunanza, Montelparo, Montemonaco, Ripatransone e Rotella

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

MARCHE – La Cabina di regia presieduta dal commissario straordinario per la ricostruzione, Paola De Micheli, ha approvato il secondo Piano per il recupero delle chiese danneggiate dal sisma: 175 milioni per le chiese delle Marche.  E’ stato approvato il secondo piano dei beni culturali che prevede 391 interventi di riparazione e restauro (per il primo, clicca qui).

98 invece gli interventi che riguardano edifici di culto dell’Ascolano, per un importo complessivo di 33 milioni e 330 mila euro. Consentiranno di ripristinare luoghi di fede e identitari delle comunità locali colpite dagli eventi sismici, favorendo la riaggregazione delle comunità locali e la valorizzazione di beni culturali. Lo evidenzia la vice presidente della Regione Marche.

Le chiese interessate, di proprietà delle Diocesi, ricadono nei comuni di Acquasanta Terme (14), Appignano del Tronto (1), Arquata del Tronto (11), Ascoli Piceno (16), Carassai (1), Castel di Lama (1), Castignano (2), Castorano (1), Colli del Tronto (1), Comunanza (5), Cossignano (1), Folignano (1), Force (2), Maltignano (1), Montalto delle Marche (2), Montedinove (2), Montegallo (8), Montemonaco (2), Offida (2), Palmiano (1), Ripatransone (1), Roccafluvione (11), Rotella (2), Venarotta (9).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *