Papa Francesco: a Gruppo Santa Marta, tratta e “moderne forme di schiavitù” sono “vergogna” e “scandalo”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

“In qualità di leader nelle forze dell’ordine, nella ricerca, nelle politiche pubbliche e nell’assistenza pastorale, voi offrite un essenziale contributo per affrontare le cause e gli effetti di questo moderno flagello, che continua a causare indicibili sofferenze umane”. È il saluto del Papa ai membri del Gruppo Santa Marta, ricevuti ieri in udienza a conclusione della loro Conferenza dedicata “a fornire una prospettiva mondiale sulla tratta di esseri umani e sulle moderne forme di schiavitù”. “È mia speranza – l’auspicio di Francesco – che queste giornate di riflessione e di scambio di esperienze abbiano portato in più chiara luce l’interazione delle problematiche globali e locali della tratta di persone umane”. “L’esperienza mostra che tali moderne forme di schiavitù sono ben più diffuse di quanto si possa immaginare, persino – a nostra vergogna e scandalo – all’interno delle più prospere tra le nostre società”, la denuncia del Papa, secondo il quale “il grido di Dio a Caino, che si trova nelle prime pagine della Bibbia – ‘Dov’è tuo fratello?’ – ci provoca ad esaminare seriamente le diverse forme di complicità con cui la società tollera e incoraggia, particolarmente a proposito della tratta a fini sessuali, lo sfruttamento di uomini, donne e bambini vulnerabili”. “Le iniziative volte a combattere la tratta di persone umane, nel loro concreto obiettivo di smantellare le reti criminali, devono sempre più considerare i più vasti settori correlati, come per esempio l’uso responsabile delle tecnologie e dei mezzi di comunicazione, per non parlare dello studio delle implicazioni etiche dei modelli di crescita economica che privilegiano il profitto sulle persone”, l’indicazione di rotta di Francesco. “Sono fiducioso che le vostre discussioni in questi giorni aiuteranno anche a incrementare la consapevolezza della crescente necessità di aiutare le vittime di questi crimini, accompagnandole in un cammino di reintegrazione nella società e di ristabilimento della loro dignità umana”, ha proseguito il Papa: “La Chiesa è grata per ogni sforzo fatto per portare il balsamo della misericordia divina a coloro che soffrono, perché questo rappresenta anche un passo essenziale per il risanamento e il rinnovamento della società nel suo insieme”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *