Papa Francesco: dedicato alla lotta contro la corruzione il “video” di febbraio per le intenzioni di preghiera

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

È dedicato alla lotta contro la corruzione “The Pope video” con l’intenzione di preghiera di Papa Francesco per febbraio 2018. Realizzato ogni mese da Vatican Media (Segreteria per la Comunicazione) insieme alla Rete mondiale di preghiera del Papa, il video di febbraio, in spagnolo e intitolato “No a la corrupciòn”, è prodotto per la prima volta con la collaborazione di un organismo della Curia romana, nella fattispecie il Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale, e costituisce una tappa del percorso avviato dallo stesso Dicastero il 15 giugno 2017 con il dibattito internazionale sulla corruzione, tenutosi presso la Pontificia Accademia delle Scienze – Casina Pio IV. A presentarlo oggi pomeriggio alla stampa nella sede del Dicastero sono il cardinale prefetto Peter Turkson; p. Frédéric Fornos, direttore internazionale della Rete mondiale di preghiera; Flaminia Giovanelli, sottosegretario del Dicastero. “Che cosa c’è alla base della schiavitù, della disoccupazione, dell’abbandono dei beni comuni e della natura? – si chiede Francesco nel video -. La corruzione, un processo di morte che nutre la cultura della morte. Perché il desiderio di potere e di possedere non conoscere limiti”. “La corruzione – il monito del Pontefice – non si combatte con il silenzio. Dobbiamo parlarne, denunciare i suoi mali, comprenderla per mostrare la volontà di far prevalere la misericordia sulla meschinità, la bellezza sul nulla”. Di qui l’esortazione conclusiva: “Preghiamo tutti insieme affinché coloro che hanno un potere materiale, politico o spirituale non si lascino dominare dalla corruzione”. La proiezione del video avverrà nuovamente per il pubblico durante il convegno “Corruzione, apocalisse della democrazia”, che si terrà a Scampia (Napoli) il 3 febbraio alle 17 presso la scuola intitolata ad Attilio Romanò, vittima della camorra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *