Azione Cattolica, festa dell’adesione ad Acquaviva Picena

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

ACQUAVIVA PICENA – Domenica 28 gennaio nella parrocchia di san Niccolò di Acquaviva Picena tanti fedeli si sono uniti alla preghiera degli aderenti dell’Azione Cattolica alla Messa delle 11:15, per festeggiare insieme questo importante momento. Grandi e piccoli come una famiglia. Prima della Messa i bambini e i ragazzi del catechismo insieme ai genitori, si sono incontrati all’oratorio parrocchiale con alcuni ragazzi della diocesi che hanno loro illustrato cosa significa essere parte dell’Azione Cattolica.

Simone, Lorenzo, Andrea, Maria Grazia e Cristiana hanno brevemente riassunto l’importanza di fare parte di questa associazione, hanno dissolto molti dubbi e cancellato alcuni luoghi comuni riguardo l’AC. Ai bambini ha colpito in particolar modo il come l’associazione di cui fanno parte e per la quale hanno ricevuto una tessera, li renda una vera famiglia, uniti dallo stesso Amore e impegnati a raggiungere lo stesso fine: essere testimoni nel mondo del Vangelo e non solo con le parole, ma soprattutto con le opere. Li ha colpiti anche la bellezza delle feste promosse dall’ACR e la possibilità tramite esse di conoscere altri bambini e ragazzi aderenti alla stessa associazione. Verso le undici, tutti i presenti si sono diretti in chiesa per la Celebrazione Eucaristica presieduta da Sua Eccellenza Monsignor Gervasio Gestori vescovo emerito della diocesi, che nell’omelia ha detto: “ Oggi riceverete le tessere dell’Azione Cattolica, l’adesione è importante. Cristiani lo siete già, ma credibili? Ci professiamo cristiani, ma poi ci comportiamo veramente come vuole Gesù? Io vi auguro che il fare parte dell’associazione vi mantenga onesti cittadini e buoni cristiani. Bambini, ragazzi e adulti che si preoccupano della società civile e del prossimo e che si preoccupano di testimoniare la fede nel Signore. Cittadini e cristiani educati, in un mondo dove l’educazione è messa in un angolo, dimenticata. L’educazione invece è importante. L’educazione viene trasmesse dagli insegnanti a scuola, dagli educatori e dai catechisti in chiesa, ma l’educazione primaria deve essere trasmessa e insegnata dai genitori in famiglia. I figli seguono innanzitutto l’esempio dei genitori, siate quindi un buon esempio per i vostri figli e non li trascurate. Buona festa dell’adesione a tutti”. Prima della consegna delle tessere il vescovo Gervasio le ha benedette. Poi ogni aderente ha apposto la propria firma sul grande cartellone ai piedi dell’altare.

Patrizia Neroni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *