L’Azione Cattolica diocesana a sostegno dei rifugiati del governatorato di Ebril, in Iraq

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

DIOCESI – “Grazie di averci accolto assieme a tutto il Consiglio diocesano dell’Azione Cattolica”. Con queste parole si aperto il discorso dell’Equipe Diocesana dei Ragazzi in occasione dello scambio degli auguri di Natale tra il Vescovo Carlo Bresciani e il consiglio diocesano di Azione Cattolica.

I membri dell’E.D.R. hanno poi affermato: “Siamo qui a portarti i saluti di tutti i ragazzi dell’ACR, delle nostre famiglie e delle nostre comunità. E’ molto bello per noi ragazzi incontrare il nostro Vescovo! E’ un momento di gioia in quanto ci permette di percepire l’attenzione della Chiesa verso i bambini e i ragazzi. Stiamo vivendo un anno speciale per tutta l’Azione Cattolica, il suo 150° anniversario dalla fondazione. Stiamo cercando di riscoprire la bellezza di far parte di una grande associazione, sentirsi parte di una storia che racconta la gioia di tanti uomini e donne che hanno scelto di mettersi insieme per conoscere il Signore, imparare ad amarlo e, soprattutto, scegliere di essere suoi discepoli annunciando ogni giorno come è bello essere suoi amici, facendo scelte secondo il suo Vangelo. Per questo ti abbiamo portato un bellissimo libro dal titolo “Con te è un’altra storia”, nel quale attraverso testi, foto, disegni e immagini si racconta la storia dell’AC dalla sua fondazione e di tutti i momenti più belli e importanti per l’ACR! In questo contesto a noi ragazzi dell’ACR viene chiesto di essere “pronti a scattare”.

Con l’aiuto dei nostri educatori, stiamo cercando di fissare la nostra attenzione, come si fa con l’obbiettivo della macchina fotografica, sulla vita di Gesù, sui suoi gesti, sui suoi incontri, proprio come il Vangelo ci racconta l’episodio della vedova che dona tutto quello ha. Lo scorso sabato Papa Francesco ha incontrato una piccola rappresentanza di ACRini provenienti da varie diocesi d’Italia per il tradizionale scambio di auguri natalizi, iniziato nel 1977 da Papa Paolo IV, a cui sappiamo, sei molto legato. Vogliamo leggerti un piccolo estratto di quanto ha detto il Papa: “Tante volte ci sono persone dimenticate: nessuno le guarda, nessuno vuole vederle. Sono i più poveri, i più deboli, relegati ai margini della società perché considerati come un problema. Invece, sono l’immagine di Gesù Bambino rifiutato e che non ha trovato accoglienza nella città di Betlemme, sono la carne vivente di Gesù sofferente e crocifisso.

Allora questo può essere un vostro impegno; anzitutto chiedetevi: ma io, a chi do più attenzione? Solo a quelli più forti, che hanno più successo a scuola, nel gioco? A chi sono stato poco attento? Chi ho fatto finta di non vedere?

Ecco quali sono le vostre “periferie”: provate a fissare l’obiettivo sui compagni e sulle persone che nessuno vede mai e osate fare il primo passo per incontrarle, donare loro un po’ del vostro tempo, un sorriso, un gesto di tenerezza.” Tra pochi giorni inizierà il nostro Mese della Pace. Aiutati dal Messaggio del Santo Padre vogliamo impegnarci a dare un aiuto concreto ai rifugiati del governatorato di Ebril, in Iraq: tra di loro ci sono molti bambini e ragazzi con disabilità, ospiti di un centro specializzato. Speriamo di riuscire a sostenere chi li aiuta ad avere una vita più serena e più bella! Lo faremo tramite una piccola cornice magnetica, che si può trasformare anche in cornice da tavolo per la tua scrivania, dove inserire una foto a ricordo di una tua bella esperienza. Cogliamo l’occasione di questo incontro per fartene omaggio in anteprima! Non vogliamo però dimenticarci di tutte quelle situazioni che devono essere messe a fuoco nostri quartieri e nelle nostre città. Per questo siamo felici di invitarti al Meeting della Pace che quest’anno sarà intitolato “Scatti di Pace” presso il Palazzetto dello Sport di San Benedetto del Tronto sabato 27 gennaio 2018.

Anche quest’anno saranno presenti i sindaci del territorio, a cui vogliamo raccontare il nostro impegno e il nostro lavoro nelle parrocchie per mettere il “flash” su quelle situazioni che non permettono di far “scattare la pace”! Ti aspettiamo! Grazie per la tua presenza e il tuo accompagnamento, grazie per il bene che vuoi all’Azione Cattolica!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *