Papa Francesco: a Santa Marta, nella “dialettica” tra “grande” e “piccolo” c’è la tenerezza di Dio

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Nella “dialettica” tra “grande” e “piccolo” c’è la tenerezza di Dio. Lo ha spiegato il Papa, nell’omelia della Messa celebrata ieri a Santa Marta, in cui ha spiegato che il nostro Dio è padre e madre, è “il Dio grande che si fa piccolo e nella sua piccolezza non smette di essere grande. Il grande che si fa piccolo e il piccolo che è grande”. “Il Natale ci aiuta a capire questo”, ha proseguito Francesco: “In quella mangiatoia… il Dio piccolo. Mi viene in mente una frase di san Tommaso, nella prima parte della Somma. Volendo spiegare questo: ‘Cosa è divino? Cosa è la cosa più divina?’, dice: ‘Non coerceri a maximo contineri tamen a minimo divinum est’, cioè non spaventarsi delle cose grandi, ma tenere conto delle cose piccole. Questo è divino, tutti e due insieme”. “Io sono capace di parlare con il Signore così o ho paura? Ognuno risponda”, l’invito del Papa. Poi la possibile obiezione: “Ma qualcuno può dire, può domandare: ‘Ma qual è il luogo teologico della tenerezza di Dio? Dove si può trovare bene la tenerezza di Dio? Qual è il posto dove si manifesta meglio la tenerezza di Dio?’”. “La piaga”, la risposta: “Le mie piaghe, le tue piaghe, quando si incontra la mia piaga con la sua piaga. Nelle loro piaghe siamo stati guariti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *