Cupra Marittima è tra i “comuni ricicloni”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

CUPRA MARITTIMA – Si è svolto il 12 dicembre presso la sede dell’ISTAO di ancona la I edizione dell’“EcoForum Marche – l’economia circolare dei rifiuti”. L’avvenimento con caratteristiche uniche a livello regionale è stato ideato da Legambiente per favorire un positivo e costruttivo dibattito tra rappresentanti dei comuni, gestori dei rifiuti e cittadini sul tema della raccolta differenziata.
L’evento ha avuto un grande successo, focalizzando l’attenzione anche sulle prospettive future regionali e sulle buone pratiche di gestione dei rifiuti verso un modello di economia circolare delle Marche. All’interno del contenitore ha avuto luogo la XV edizione di “Comuni Ricicloni”, l’iniziativa di Legambiente che riconosce le migliori esperienze dei comuni marchigiani in tema di gestione dei rifiuti ed in particolare sulla raccolta differenziata. Cupra Marittima è risultata tra i più virtuosi comuni della provincia di Ascoli Piceno, con un livello di raccolta differenziata pari al 71,05% e superiore alla media sia regionale che della stessa provincia. Presente alla manifestazione per il comune di Cupra Marittima l’assessore Roberta Rossi: ”siamo sulla strada giusta ed operando progressivamente per migliorare i risultati ottenuti.” In generale dai dati resi noti durante l’iniziativa, le Marche si dimostrano una regione virtuosa nella raccolta differenziata, superando il 65,41% di RD. In particolare, per quanto riguarda i dati provinciali, la provincia di Macerata si attesta al 74,33%, Pesaro-Urbino al 62,87%, Ancona al 66,37%, Ascoli Piceno al 60,58% e Fermo al 58,95%.

Nella sezione dedicata ai “Comuni Ricicloni”, ad essere premiate sono state 135 amministrazioni che si sono contraddistinte per il raggiungimento dell’obiettivo di legge del 65% di raccolta differenziata. Le Marche hanno le carte in regola per giocare un ruolo da protagoniste nel panorama nazionale sul tema dei rifiuti, prendendo ad esempio e replicando le esperienze di successo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *