Attività in lingua dei segni: stanziati fondi di bilancio a San Benedetto del Tronto

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Su proposta dell’assessore alle politiche sociali del comune di San Benedetto del Tronto Emanuela Carboni, la Giunta comunale ha approvato nella seduta un’importante deliberazione in materia di riconoscimento dei diritti delle persone sorde.

La delibera istituisce nel bilancio comunale un’apposita voce, denominata “Fondo per la promozione del riconoscimento della lingua italiana dei segni e per la piena accessibilità delle persone con disabilità sensoriale”, nel quale confluiranno, tra l’altro, le risorse relative alle convenzioni per l’interpretariato per facilitare l’accesso ai servizi pubblici dei non udenti e l’interpretariato per attività convegnistica e conferenze.

“Con questo atto intendiamo dare una sistematica e strutturale organizzazione a questo prezioso servizio – spiega l’assessore Carboni – finora infatti l’attivazione delle specifiche convenzioni per questi servizi o, per esempio, quelli di supporto agli studenti sordi con persone esperte nella Lingua dei Segni Italiana (LIS) erano condizionate al reperimento di specifici fondi e quindi a potenziale rischio di precarietà. Ora l’utilizzo della LIS in tutte le situazioni in cui si rende necessaria diventa un obiettivo fondamentale dell’attività del Comune”.

La delibera è stata accolta con soddisfazione da l’associazione “Sordapicena”, invitata a partecipare con i suoi componenti alla seduta di Giunta al momento dell’approvazione dell’atto. Attraverso il suo presidente Fausto Lucidi, poi, la Sordapicena ha inviato all’Amministrazione comunale un messaggio di ringraziamento nel quale definisce l’atto approvato “un traguardo storico per la nostra città e per la comunità sorda”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *