San Benedetto, l’impegno dell’Associazione Nazionale Carabinieri per il territorio

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – In un clima informale e cordiale, si è svolta sabato 9 dicembre all’hotel Calabresi la cena sociale per lo scambio di auguri di Natale della locale sezione dell’Associazione Nazionale Carabinieri.
Erano presenti autorità nazionali e regionali dell’associazione, ad iniziare dai generali Gianfranco Massaro, Salvatore Iannizzotto, Francesco Carleo (che guidò la Compagnia dei Carabinieri di San Benedetto del Tronto dal 1990 al 1996), l’Ispettore Regionale Tito Baldo Honorati, il presidente della sezione sambenedettese Gianpaolo Mantovani e il vice Bonifazi.
Nel suo intervento, il generale Massaro ha sottolineato il concetto di “grande famiglia dell’Arma” che rimane vivo per sempre nei cuori anche di chi non è più in attività. “Infatti ogni appartenente alla “Benemerita”- ha detto il gen. Massaro – in servizio e in congedo, nel segno della continuità generazionale, nel ricordo delle vicende e delle gesta gloriose di una storia ci offre esempi straordinari di lealtà, di spirito di servizio. In tutti questi anni, i Carabinieri hanno saputo scrivere pagine gloriose e ricche di riconoscimenti. Fondamentale è l’impegno silente, competente e concreto al servizio della collettività – ha aggiunto Massaro – dalla difesa dei valori fondanti il nostro vivere civile al soccorso in caso di pubbliche calamità, dal contrasto alla minaccia terroristica transnazionale all’opera prestata per ridare prospettive di vita e futuro migliori a genti in difficoltà, anche in terre lontane”.
L’amministrazione Comunale di San Benedetto è stata rappresentata dalla consigliera Brunilde Crescenzi che ha portato i saluti del Sindaco e della città e, nel suo intervento, ha ringraziato l’Arma per il costante lavoro sul territorio: “La sicurezza è uno degli obiettivi primari – ha affermato Crescenzi – perché la sua mancanza mina anche il concetto di libertà. La presenza fisica e visibile sul territorio è il modo migliore per dire ai cittadini che le forze dell’ordine sono loro vicine al fine di garantire la loro sicurezza”.
Nel corso della serata è stato ricordato il progetto dell’Associazione Nazionale Carabinieri che nel 2009 ha creato un “Nucleo volontariato e protezione civile ANC Spinetoli” che si propone di far conoscere e diffondere i valori umani e morali attraverso una pluralità di attività e di interventi a carattere sociale, civile e culturale per la promozione e la tutela dei diritti della persona, la protezione e la valorizzazione dell’ambiente, della cultura, la vigilanza stradale in collaborazione con altri organi.
Un simpatico fuoriprogramma è stato l’arrivo di Babbo natale per la consegna dei doni ai più piccini mentre tutte le signore sono state omaggiate di una stella di Natale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *