Vescovo Bresciani: dobbiamo costruire relazioni di reciproco rispetto

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di Francesca Spinozzi

DIOCESI – Nel culmine dei festeggiamenti della Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto in onore di Santa Barbara, Patrona anche della Marina Militare, lunedì 4 dicembre la Basilica Cattedrale “Santa Maria della Marina” ha ospitato la Celebrazione Eucaristica presieduta da S.E. Monsignor Carlo Bresciani, Vescovo della Diocesi di San Benedetto del Tronto – Ripatransone – Montalto.
La Celebrazione è avvenuta alla presenza delle massime Autorità civili e militari della provincia di Ascoli Piceno, Fermo e delle città di San Benedetto del Tronto, Grottammare e Cupra Marittima, nonché delle Associazioni dei Marinai d’Italia, delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma provenienti dai diversi Comuni di giurisdizione.
Nella riflessione scaturita dalla lettura dal libro del profeta Isaia e dal Vangelo, il Vescovo si è soffermato su due temi.
Il primo  è quello di utilizzare ciò che abbiamo non per offendere, ma per costruire relazioni di rispetto reciproco, salvaguardando i diritti di ciascuno, seguendo l’indicazione di spezzare le spade come un cammino per ciascuno di noi.
Preludio al secondo tema è la professione di fede del centurione nel Vangelo: “Signore, io non sono degno che Tu entri sotto il mio tetto, ma di’ soltanto una parola ed il mio servo sarà guarito”. La professione usata nella Santa Messa nel momento che precede la Comunione è la stessa del centurione pagano, uno che ha autorità, potere, ma che tanto si preoccupa del suo servo malato da andare da Gesù a chiederne la guarigione. La direzione che il Signore indica è l’andare incontro a chi ha bisogno, non approfittandosi della debolezza dell’altro.
Infine il Vescovo ha augurato a tutti i presenti di camminare, secondo i diversi ruoli che ognuno ricopre nella sua vita privata e pubblica, nella stessa direzione dei Santi e dei Martiri che hanno seguito il percorso indicato dal Signore, rinnovando l’invito ad usare i mezzi a nostra disposizione per costruire relazioni migliori tra di noi, cosa che è possibile fare guardando non soltanto in alto, ma in basso, verso coloro che sono nel bisogno.
La Celebrazione si è chiusa con la recita della preghiera del marinaio; infine il Comandante – Capitano di Fregata Alessio Morelli ha ringraziato le Autorità presenti e le Forze armate, tra le quali anche i Vigili del Fuoco con i quali la Marina Militare condivide la Patrona Santa Barbara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *