Spagna: Corte suprema ritira mandato di arresto per Puigdemont

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Ritirato il mandato di arresto internazionale per il leader indipendentista catalano Carles Puigdemont, e di altri quattro componenti dell’ex governo regionale: Antonio Comín, Lluís Puig, Meritxell Serret e Clara Ponsatí, rifugiatisi in Belgio. I cinque avrebbero “mostrato l’intenzione di rientrare in Spagna”, secondo la Corte suprema. In vista delle elezioni del 21 dicembre si tratta di un passaggio di rilievo per stemperare le tensioni a Barcellona. Nel frattempo Puidgemont prosegue la campagna elettorale, benché i sondaggi diano per favoriti, fra i diversi partiti che prendono parte al voto, da una parte la Esquerra Republicana de Catalunya (sinistra) e dall’altra il movimento Ciudadanos (centrodestra). Ma la battaglia politica è sostanzialmente tra i “costituzionalisti”, contrari alla richiesta di secessione da Madrid, e il variegato fronte indipendentista. Partecipando tramite video a un comizio elettorale, Puigdemont ha parlato del 21 dicembre come del “secondo turno del 1° ottobre” e “di ciò che è successo il 1° ottobre, con le violenze della polizia” sui cittadini che si recavano alle urne per votare al referendum incostituzionale per la secessione della Catalogna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *