I sacerdoti della Vicaria “Beata Assunta Pallotta” si sono riuniti a Montelparo presso l’Istituto Mancinelli

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di Giuseppe Mariucci

MONTELPARO – Era prevista per ieria Montelparo, presso la Parrocchia di San Michele Arcangelo retta dal Priore-Parroco Padre Agostino Maiolini, la riunione dei Parroci delle Parrocchie della Vicaria “Beata Assunta Pallotta” della Diocesi di San Benedetto-Ripatransone-Montalto Marche.
Sono arrivati fino a Montelparo:
Don Tiziano Napoletano da Castignano; Don Dino Straccia da Comunanza; Don Luca Rammella da Force; Don Lorenzo Bruni da Montalto Marche; Padre Mario Alessandrini e Padre Emanuele D’Aniello da Montedinove; Padre Agostino Maiolini e Padre Giovanni Mazzoni da Montelparo e Valdaso; Don Vincente Iferne da Rotella. Era presente anche Marco Mori dell’Ufficio Pastorale Familiare.
Padre Agostino, con grande sensibilità, ha chiesto alla direzione dell’Istituto Mancinelli di Montelparo di poter effettuare questo incontro in una delle sue stanze! Ha voluto così far conoscere ai parroci della Vicaria una realtà a loro sconosciuta, ma che qui a Montelparo fa parte oramai da anni del modo di vivere, di pensare e di amare della popolazione tutta.
Nella mattinata, prima di iniziare la riunione, e accolti da un clima già Natalizio in tutti gli ambienti, i prelati si sono incontrati affettuosamente con i ragazzi, i loro assistenti e i loro dirigenti.
Per i ragazzi sarebbe arrivata poi una bella sorpresa: i sacerdoti, al termine della loro riunione, si sarebbero fermati con loro per un frugale pranzo! Sono stati, infatti, invitati a rimanere. A loro si sarebbero poi aggiunti, oltre che al Direttore Emanuele Sassù, anche il Presidente dell’Ente, Andrea Funari, e il Sindaco di Montelparo, Marino Screpanti.
Alla fine tutti ne sono usciti arricchiti in conoscenza, in solidarietà e amore!
Del “Mancinelli” abbiamo già parlato da queste pagine, ma, per far rimanere viva la sua conoscenza nella nostra Diocesi, pensiamo sia doveroso rimandare alcune essenziali notizie su questo benemerito e prezioso Ente!
L’Azienda Socio Sanitaria “Giovenale Mancinelli” è un’ emanazione dell’Opera Pia Ente di Servizi Sociali ed Assistenziali di Montelparo, un tempo Ospedale Civile del paese.
Nel 1967 fu convertito in Centro Residenziale Riabilitativo-Educativo, orientando la propria attività nell’ambito dell’età evolutiva e dei giovani adulti. Ospiti della struttura sono stati per molti anni minori con ritardo mentale lieve, ragazzi con problemi comportamentali e disagi familiari. Si è operato con gli obiettivi del loro recupero e del conseguente reinserimento sociale.
Da allora l’ex Ospedale ha assunto la denominazione di Istituto Medico-Psico-Pedagogico.
In seguito l’utenza si è gradualmente modificata e differenziata al suo interno. L’Istituto oggi ospita adulti disabili lungo-degenti e ragazzi in età evolutiva con disabilità gravi e gravissime.
Dagli anni ottanta l’Istituto si è convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale ai sensi dell’art. 26 della Legge 833/78, integrando le precedenti attività di carattere educativo e psicopedagogico con servizi legati alla medicina riabilitativa e neurologica, attivando un Centro Ambulatoriale di Riabilitazione e potenziando al contempo gli standard e i servizi di carattere assistenziale.
Dal 1° gennaio 2012, in seguito all’entrata in vigore della Legge Regionale n. 5/08 l’Opera Pia si è trasformata in Azienda di Servizi alla Persona con la denominazione di “Azienda Socio Sanitaria G. Mancinelli”.

Da oltre cinquant’anni, qui a Montelparo, c’è integrazione assoluta tra la popolazione, i ragazzi ospiti e i loro assistenti: essi sono considerati da tutti come propri ragazzi e figli! Sono ovunque e sempre accolti con amore, senza remore e senza distinzione!

Un grande ringraziamento va quindi a Padre Agostino e ai Dirigenti dell’Ente che non perdono mai occasione per essere vicini con i fatti a chi soffre, a chi ha problemi e ai diseredati.
E’ stata questa una giornata di grande umanità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *