Montelparo, pranzo di beneficenza a favore della Chiesa dei Santi Pietro e Silvestro

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di Giuseppe Mariucci

MONTELPARO – La parrocchia di San Michele Arcangelo di Montelparo, con Priore-Parroco Padre Agostino Maiolini, il Comune di Montelparo, con il Sindaco Marino Screpanti, in collaborazione con le Associazioni locali, hanno preso una lodevole iniziativa!
Considerata la condizione di grave inefficienza dell’impianto di riscaldamento della Chiesa dei Santi Pietro e Silvestro, hanno organizzato un “Pranzo di Beneficenza” il cui ricavato avrà il compito di risistemare proprio quell’impianto.

Il momento di convivio si terrà sabato 25 novembre alle ore 13.00 presso la palestra comunale cittadina.
La Chiesa dei Santi Pietro e Silvestro, lo ricordiamo, è l’unica Chiesa montelparese che, di recente ridata al culto dopo lavori di restauro, ha resistito alle violente scosse sismiche dello scorso anno 2016.
L’Amministrazione Comunale che, una volta restaurata, e avuta in gestione dalla Curia, l’aveva destinata a Sala Convegni (già ottimamente avviata a tale scopo), con grande sensibilità l’ha restituita al Culto in considerazione del fatto che tutte le altre Chiese di Montelparo sono state gravemente danneggiate e messe in sicurezza in attesa di lavori di recupero. Se pur minuscola, essa assicura la possibilità di poter celebrare degnamente funzioni religiose!
Per la verità un’altra Chiesa è parzialmente agibile, il Santuario Agreste di Santa Maria in Camurano, che, proprio perché agreste, è lontana, però, dal centro abitato.
Nella Chiesa dei Santi Pietro e Silvestro, in quest’ultimo disastroso periodo, hanno trovato “rifugio” tanti simulacri preziosissimi che sono stati prelevati dalle chiese pericolanti per avere una “casa” sicura (le statue lignee di Santa Maria Addolorata e di San Giuseppe con bambino portate qui da San Gregorio Magno; il dipinto a olio, che raffigura “La Madonna in trono con Bambino” tra San Giovanni Battista e Maria Maddalena, datato 1515 ed eseguito da Vincenzo Pagani (n. 1480 – m. 1568), di recente tornato dal restauro, era prima collocata dietro all’altare maggiore della Chiesa di Santa Maria Novella; infine anche l’urna contenente il Corpo di San Paolino Martire proveniente dalla Chiesa di S. Agostino)!
Oggi, insomma, da chiesa quasi sconosciuta e dimenticata per centinaia di anni, quella dei Santi Pietro e Silvestro è divenuta un vero gioiello d’arte e il centro del culto di un’intera popolazione: quella di Montelparo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *