Papa Francesco: a Santa Marta, “pensare alla morte non è una fantasia brutta, è una realtà”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Riflettere sulla fine del mondo e anche sulla fine di ciascuno di noi: è questo l’invito che anche oggi la Chiesa ci fa attraverso il passo odierno del Vangelo che il Papa commenta alla Messa di ieri a Casa Santa Marta, come riporta Radio Vaticana. Tutti noi siamo abituati alla normalità della vita, orari, impegni, lavoro, momenti di riposo, e pensiamo che sarà sempre così. Ma un giorno, prosegue Francesco, ci sarà la chiamata di Gesù che ci dirà: “Vieni!”. Per alcuni questa chiamata sarà improvvisa, per altri dopo una lunga malattia, non lo sappiamo. Ma, ripete il Papa, “la chiamata ci sarà!”. E sarà una sorpresa, ma poi ci sarà l’altra sorpresa del Signore: la vita eterna. Per questo “la Chiesa in questi giorni ci dice: fermati un po’, fermati per pensare alla morte”. Papa Francesco descrive ciò che di solito avviene: anche la partecipazione alle veglie funebri o andare al cimitero, diventa un fatto sociale, si va, si parla con le altre persone, in alcuni casi anche si mangia e si beve: è “una riunione in più, per non pensare”.
E “oggi la Chiesa, oggi il Signore, con quella bontà che ha, dice a ognuno di noi: ‘Fermati, fermati, non tutti i giorni saranno così. Non abituarti come questo fosse l’eternità. Ci sarà un giorno che tu sarai tolto, l’altro rimarrà, tu sarai tolta, tu sarai tolta’. È andare col Signore, pensare che la nostra vita avrà fine. E questo fa bene”.
Questo fa bene, spiega il Papa, di fronte all’inizio di una nuova giornata di lavoro, ad esempio, possiamo pensare: “Oggi forse sarà l’ultimo giorno, non so, ma farò bene il lavoro”. E così nei rapporti in famiglia o quando andiamo dal medico. “Pensare alla morte non è una fantasia brutta, è una realtà. Se è brutta o non brutta dipende da me, come io la penso, ma che ci sarà, ci sarà – sottolinea Francesco -. E lì sarà l’incontro col Signore, questo sarà il bello della morte, sarà l’incontro col Signore, sarà Lui a venire incontro, sarà Lui a dire: ‘Vieni, vieni, benedetto da mio Padre, vieni con me’”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *