San Benedetto, presso la parrocchia di San Filippo Neri il catechismo per genitori

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
Emilia Collina Mario Passamonti
SAN BENEDETTO DEL TRONTO – I mesi autunnali, in maniera contro intuitiva rispetto ai ritmi delle stagioni,  vedono ogni anno riprendere in parrocchia le attività rivolte alla cura per la crescita delle persone; puntuali anche quest’anno sono ripartiti gli incontri rivolti ai genitori dei bambini che frequentano la comunità parrocchiale per l’iniziazione cristiana. A fronte di una natura che offre gli ultimi frutti della propria laboriosa vitalità, per poi concludere il ciclo vitale e mettersi in una posizione di (apparente) inattività, noi iniziamo un nuovo pezzetto della  vita sociale, e spinti forse della suggestione derivata dall’affievolirsi del sole, ci offriamo volontariamente occasioni per sintonizzarci con la parte più profonda del nostro essere e poterla conoscere.
La proposta che la comunità di San Filippo Neri  vuole presentare a questi adulti è un cammino di accompagnamento al percorso di crescita umana integrale, che offra la possibilità di riconoscere la radice ultima del nostro essere persona, quel cuore umano con la sua  inesauribile esigenza di felicità, di giustizia, di verità, di bontà, di bellezza che costantemente ci ritroviamo addosso come “nostalgia di Infinito” e che di fronte alle concrete (limitate e limitanti) circostanze dell’esistenza si traduce in domande di senso; semplicemente cerchiamo di abitare queste domande, senza la fretta di chiudere con formule preconcette, per quanto teologicamente vere, ma che rischiano di risultare incomprensibili fuori da una esperienza personale. Abitare le domande per noi  significa  accostarsi ad esse con stima e rispetto accogliendole all’interno del proprio orizzonte di senso. Crediamo infatti che una testimonianza cristiana credibile in questo nostro tempo possa consistere nell’offrire la possibilità di incontrare la Bellezza disarmata di Gesù che si fa amico lungo le nostre strade al calar della notte, oggi come 2000 anni fa.
Gli appuntamenti a cadenza mensile si svolgono nella Sala Blu dopo la celebrazione eucaristica delle 9.30; lo stile vuole essere il più possibile esperienziale, partendo  dalle circostanze della vita reale e dal tempo liturgico cercando degli spunti anche attraverso  linguaggi  artistici o di testimonianze dirette per poi favorire il confronto e la rielaborazione personale e in piccolo gruppo.
Dall’esperienza di questi quattro anni di lavoro con i genitori, emerge la consapevolezza di non aver individuato “la formula magica” per ripopolare di cristiani adulti le sale della parrocchia, ma altresì un’occasione di incontro per coloro che accettano di essere presenti a fianco dei loro figli, per compiere un pezzo di strada insieme e fare esperienza  di fraternità e di un Dio buono e misericodioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *