In arrivo 1.900.000 euro dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri per riqualificare il tessuto urbano di Centobuchi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

MONTEPRANDONE – Il Comune di Monteprandone rappresentato dal sindaco Stefano Stracci e dall’assessore ad ambiente e patrimonio Fernando Gabrielli ha partecipato questa mattina, lunedì 13 novembre 2017, a Palazzo Loggia, a Brescia, alla cerimonia (organizzata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri con la presenza dal Sottosegretario di Stato Maria Elena Boschi) durante la quale sono state firmate le Convenzioni con i Sindaci dei Comuni beneficiari delle risorse previste dal «Piano Nazionale per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate».

A giugno scorso, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, è stata accolta la domanda di finanziamento del progetto presentato dal Comune di Monteprandone.

Redatto dal Comune di Monteprandone, il progetto si è classificato 14esimo su 853 progetti presentati, 451 ammessi a finanziamento e 46 finanziati dal fondo per l’attuazione del Piano. Per le Marche sono sei i progetti finanziati.

L’intervento, diretto alla riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale, nonché al miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale e ambientale, andrà a riqualificare alcune aree urbane di Centobuchi.

Verrà finanziato per un importo pari a 1.900.000 euro di fondi statali e 100.000 euro di fondi comunali e privati provenienti dai partner di progetto.

“L’intento è quello di coniugare qualità dell’ambiente urbano e integrazione sociale nella convinzione che una città più bella stimoli relazioni positive fra le persone -spiega il Sindaco Stefano Stracci- È un progetto complesso che deve vedere protagonisti non solo gli attori pubblici ma anche associazioni e singoli cittadini. È una sfida che si vince se una comunità sa fare squadra. Per questo inizieremo fin da subito gli incontri con i residenti per declinare insieme gli strumenti attuativi del progetto”.

IL PROGETTO
L’obiettivo progettuale consiste nel miglioramento della qualità del decoro urbano del tessuto sociale ed ambientale, mediante attivazione di servizi e interventi di ristrutturazione edilizia, con particolare riferimento allo sviluppo dei servizi sociali e culturali, alla promozione delle attività culturali, didattiche e sportive e la tutela di adulti e minori vittime di violenza, tratta, sfruttamento e abusi sessuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *